Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:57 METEO:PORTOFERRAIO21°25°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 23 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)

Attualità martedì 29 ottobre 2019 ore 18:05

Due progetti dedicati ai rischi in età evolutiva

Foto di repertorio

Si tratta di due progetti regionali: uno per prevenire il sovrappeso, l'altro per individuare precocemente i problemi di comunicazione e di relazione



FIRENZE — Un progetto per la prevenzione di sovrappeso e obesità nei bambini. E un altro per individuare precocemente eventuali disturbi dello sviluppo della comunicazione e della relazione, sempre nei bambini. Entrambi i progetti vengono condotti dalla Regione da anni (la delibera che li istituisce è del 2011). Una delibera approvata dalla giunta nell'ultima seduta, su proposta dell'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, li finanzia per il 2019 con 530.000 euro.

I due progetti sono finalizzati alla prevenzione dei due rischi prevalenti per l'età evolutiva: la capacità di comunicazione e relazione e l'eccesso ponderale. Il primo screening è finalizzato, come si legge in una nota della Regione Toscana, alla diagnosi precoce dei disturbi dello sviluppo della comunicazione e della relazione, e prevede la compilazione di un questionario mirato ad evidenziare eventuali problemi.

Il secondo progetto prevede che il pediatra effettui la valutazione dell'indice di massa corporea (Bmi). Il progetto è stato progressivamente rimodulato, anticipando la presa in carico dei bambini in eccesso ponderale al momento del Bilancio di salute dei 6 anni e prevedendone il monitoraggio fino ai 14 anni, attraverso l'esecuzione di follow up annuali. Per favorire l'attività fisica e la promozione di corretti stili di vita nei bambini sovrappeso o obesi, il progetto prevede anche che i pediatri di famiglia rilascino, su richiesta della famiglia, la certificazione per effettuare attività sportiva non agonistica.

Per entrambi i progetti, la Regione ha stanziato per il 2019 la cifra complessiva di 530.000 euro: 160.000 per il "Percorso assistenziale per il bambino in eccesso ponderale", e 370.000 per il progetto "Screening per la valutazione dello sviluppo della comunicazione e della relazione".

Secondo i dati 2016 di OKkio alla salute, l'indagine condotta in Toscana su un campione rappresentativo di quasi 2.000 bambini di 8-9 anni, il 21,4 per cento dei bambini toscani è sovrappeso (in Italia 21,3 per cento); il 5,6 per cento è obeso (Italia 9,3 per cento). 

Quindi l'eccesso ponderale complessivo risulta del 27 per cento (Italia 30,6 per cento), era il 29,5 per cento nel 2008. E i genitori non sempre sono consapevoli dei problemi relativi al peso dei propri figli: il 39,5 per cento delle madri di bambini sovrappeso e il 3 per cento delle madri di bambini obesi non ritiene che il proprio figlio sia in eccesso ponderale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È venuto alla luce ieri il piccolo Damiano, figlio della giornalista Dina Maria Laurenzi della redazione di QUInews-Toscanamedia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità