Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:55 METEO:PORTOFERRAIO20°22°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Gli Azzurri? Ci somigliano...
Gli Azzurri? Ci somigliano...

Cronaca domenica 03 aprile 2022 ore 18:45

Senza mascherina crea il caos sul bus

Un 27enne salito sul bus ha dato in escandescenza dopo essere stato invitato ad indossarla. L'uomo si è scagliato anche contro i carabinieri



CAPOLIVERI — Sono dovuti intervenire i Carabinieri per riportare la calma all’interno di un pullman di linea diretto a Portoferraio. 

A scatenare il caos pochi giorni fa è stato un passeggero che, pur invitato dell’autista a indossare la mascherina per salire a bordo, pretendeva di usufruire del servizio pubblico senza il previsto dispositivo di protezione.

Come spiegano i carabinieri in una nota, dopo essere salito comunque sul bus, ai ripetuti inviti del conducente a rispettare le regole, l’uomo ha iniziato a offenderlo e minacciarlo, urlando che la normativa è anticostituzionale, tanto da costringere l’autista a fermare il mezzo lungo la strada provinciale e, nello stupore degli altri passeggeri, chiamare soccorso.

Giunti dopo pochi minuti, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Portoferraio inizialmente hanno subito lo stesso prepotente atteggiamento dello scalmanato che, sprovvisto di documenti di riconoscimento, non ha voluto fornire le proprie generalità, si è rifiutato di indossare la mascherina e di scendere dal bus, continuando ad agitarsi e a urlare frasi senza senso in presenza degli altri passeggeri atterriti. 

Riusciti a ricondurre alla calma l’uomo dopo una mezz’ora, i militari lo hanno condotto in caserma, permettendo all’autobus di riprendere la corsa. 

Al termine degli accertamenti, i Carabinieri sono riusciti a identificare il 27enne italiano deferendolo all’Autorità Giudiziaria per rifiuto di fornire le proprie generalità, resistenza a Pubblico Ufficiale e interruzione di un pubblico servizio.L’uomo rischia una pena che può raggiungere anche i cinque anni di reclusione.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno