Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO14°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità mercoledì 14 aprile 2021 ore 06:30

"Dissalatore e diga di Mola, opere devastanti"

Italo Sapere

Italo Sapere, del Comitato per la difesa di Lido e Mola, chiede alle istituzioni di fermare la realizzazione delle due opere, a tutela dell'ambiente



CAPOLIVERI — "Le contraddizioni ambientaliste. Come trattare in modo diverso il medesimo valore ambientale. Abbiamo letto con attenzione le motivazioni ambientali e urbanistiche di Legambiente che si oppone con forza al progetto della diga di Mola, che provocherà danni irreversibili per l’ambiente. Concordiamo in tutto e per tutto". 

Così commenta Italo Sapere a nome del Comitato per la difesa di Lido e Mola l'intervento di Legambiente Arcipelago toscano contro l'ipotesi della costruzione di una diga frangiflutti nel golfo di Mola (leggi qui l'articolo).

"Per questo, - prosegue Sapere - ci uniamo all’invito a tutte le istituzioni coinvolte a rivalutare l’intero progetto del molo/porto di Mola che è insostenibile sia per quanto riguarda il Golfo di Mola, sia per la Zona umida". 

Ma Sapere aggiunge anche una considerazione polemica aggiungendo: "Onestamente non sapevamo che esistesse Posidonia di serie A e Posidonia di serie B. Non capiamo perché la distruzione della Posidonia oceanica nel Golfo di Mola sia diversa da quella del Golfo Stella davanti alla spiaggia di Lido. La distruzione della prateria di Posidonia per la costruzione del molo in cosa si differenzia dalla distruzione per lo scavo per le varie tubazioni a mare del dissalatore?"

"Il progetto della diga di Mola posiziona il molo proprio sopra la prateria di posidonia oceanica determinandone la totale scomparsa. - spiega Sapere, riguardo alla diversa posizione di Legambiente sulla diga frangiflutti e il Dissalatore di Mola - Esattamente come i blocchi di cemento che dovranno mantenere sul fondo le tubazioni del dissalatore. Non esistono opere di mitigazione che diminuiscono l’impatto, che l’opera avrebbe sulla prateria di posidonia. (Lo abbiamo sempre sostenuto anche noi!)."

"Proporre di espiantare e reimpiantare parte della prateria di Posidonia, (Sales propone quello che ha proposto ASA, niente di nuovo) è in questo caso non solo assurdo, - prosegue Sapere - ma rappresenta un finto risarcimento in un luogo dove gran parte della posidonia scomparirà per la concentrazione della salamoia nel Golfo Stella. Nonostante da parte dei proponenti (ASA per il dissalatore, SALES per il molo) si tenti di minimizzare fino a dichiarare nullo l’impatto ambientale dei progetti sulla Zona umida di Mola, zona di grandissima importanza naturalistica ed ecosistemica, è chiarissimo che la realizzazione di queste due strutture a poche centinaia di metri in linea d’aria da una Zona umida, comporteranno invece forti conseguenze ambientali e fisiche sull’area."

"Chiediamo a tutte le istituzioni interessate di fermare questi due progetti, sia il dissalatore, sia il molo/porto di Mola, - continua Sapere - perché li riteniamo entrambi un vero e proprio scempio ambientale e paesaggistico a partire dallo stupro della spiaggia di Lido e le inevitabili pesanti ricadute ambientali e sociali sull’economia dell’intero Golfo Stella". 

"Crediamo sia possibile un altro tipo di sviluppo: uno sviluppo attento anche al risparmio dell’acqua, al suo recupero e al suo riutilizzo, che porti ricchezza al territorio proprio attraverso la tutela di questi ecosistemi. Perché quando una parte del mare e della costa sarà diventata un deserto, chi mai vorrà venire all’Elba, anche se avremmo abbondanza di acqua dissalata?", conclude il rappresentante del Comitato per la di difesa di Lido e Mola.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta della Celleriite, nuova scoperta mondiale, che prende il nome da Luigi Celleri a cui è intitolato il museo mineralogico Mum di San Piero
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità