Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:PORTOFERRAIO19°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 21 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Allegri furioso a fine partita, la frase urlata uscendo dal campo: «E vogliono giocare nella Juve»

Politica sabato 11 settembre 2021 ore 19:11

Dissalatore, Barbetti insiste "questione politica"

Ruggero Barbetti

L'ex vicesindaco di Capoliveri Ruggero Barbetti ricorda come ci sia una legge regionale che "passa sopra la testa del Consiglio comunale"



CAPOLIVERI — "La questione del dissalatore è veramente complessa e non la si può affrontare senza conoscerne a fondo tutti gli aspetti".

Lo sottolinea Ruggero Barbetti, ex vicesindaco di Capoliveri, dopo le dichiarazioni del sindaco Montagna sul parere negativo espresso in sede di conferenza dei servizi dal Comune alla Variante di Asa per la realizzazione del dissalatore (leggi qui l'articolo) e l'affidamento provvisorio dell'appalto per realizzare l'impianto (leggi qui l'articolo).

"C’è una Legge malandrina, la Legge regionale 10 novembre 2014, n. 65, che riprende una Legge nazionale, che all’Art. 34 dice che “l’approvazione del progetto di un'opera pubblica o di pubblica utilità costituisce variante agli strumenti di pianificazione territoriale o urbanistica del comune”. prosegue Barbetti - Quindi l’approvazione da parte della Regione/AIT è passata, passa e passerà sempre sopra la testa del Consiglio comunale di Capoliveri". 

"Se non si parte da qui, - aggiunge Barbetti - tutto il resto sono parole al vento. Come quelle di Montagna che con roboante enfasi diceva qualche giorno fa sui giornali che il comune si era espresso contro la realizzazione del dissalatore. Poverino, non ha capito proprio nulla e insisto che l’unica strada per fermare la realizzazione dell’opera è quella politica, anche se ora ho paura che sia proprio troppo tardi. Montagna non lo sa perché non si informa, ma se andasse a vedere le sentenze del Tar, scoprirebbe che in data 9 settembre u.s. è stata pubblicata una ordinanza cautelare che, per ora, da ragione ad Asa che in autotutela ha annullato l'aggiudicazione della gara all’impresa Acciona Agua s.a. e ha quindi approvato gli esiti della procedura e disposto l'aggiudicazione della medesima selezione in favore dell'Ati Suez, unica concorrente rimasta in gara. Quindi ad oggi abbiamo il nome della ditta che farà i lavori del dissalatore e si chiama Ati Suez" (leggi qui l'articolo). 

"Con buona pace del povero Montagna che si trova lì dove è senza neanche sapere come ci è arrivato e cosa ci stia a fare e che cosa dovrebbe fare. Anche se non mi stancherò mai di dire che va sempre rispettato il volere degli elettori così come vanno accettate le decisioni del Consiglio di Stato anche se diametralmente opposte a quelle del Tar Toscana", conclude Barbetti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La segnalazione arriva da Riccardo Nurra, ex assessore del Comune di Portoferraio, che invita gli attuali amministratori a curare il decoro urbano
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Sport

Attualità