QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 26°27° 
Domani 24°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 19 luglio 2019

Politica venerdì 12 luglio 2019 ore 13:14

Le decisioni della Gat su aeroporto e canile

Riunione della Gat a Capoliveri (foto di repertorio)

Sono stati stanziati ulteriori 150mila euro per la struttura che accoglierà e curerà gli animali in difficoltà. Rio e Portoferraio si sono astenuti



CAPOLIVERI — Si è riunita ieri pomeriggio, giovedì 11 Luglio, presso la sala consiliare del Comune di Capoliveri, la consulta dei sindaci per la Gestione Associata per il Turismo dell’isola d’Elba, presieduta dal nuovo sindaco di Capoliveri Andrea Gelsi.

All’incontro, come si legge in una nota, al quale hanno partecipato i rappresentanti istituzionali dei sette comuni dell’isola, sono intervenuti gli esponenti della Consulta del Comune di Campo nell’Elba per l’aeroporto che hanno espresso forti criticità in ordine alla sopravvivenza della struttura aeroportuale che ha sede nel versante occidentale dell’Isola.

La consulta per l’aeroporto elbano ha chiesto espressamente alla Gat, attraverso i suoi rappresentanti un intervento urgente al fine di farsi carico dell’istituzione di un fondo di garanzia per supportare i costi di esercizio dei servizi di trasporto da e per l’estero e per superare problemi di carattere economico e normativo che di fatto limitano l’azione dell’intero Aeroporto vanificando le azioni fino ad oggi svolte per sostenere lo scalo aeroportuale.

La Consulta dei sindaci ha deciso unanimemente di dare il proprio supporto alla sopravvivenza dell’aeroporto elbano, risorsa indispensabile per lo sviluppo economico, turistico e sociale dell’Isola e, nell’attesa di effettuare tutte le dovute valutazioni tecniche, ha rinviato ad un nuovo incontro che si terrà entro pochi giorni per la definizione e deliberazione della modalità d’intervento.

Il vicesindaco di Portoferraio Luca Baldi ha dichiarato che prima della riunione si sarebbe dovuto tornare a discutere della struttura stessa della Gat e della sua organizzazione, sottolineando che è scaduta da circa due anni la convenzione con la quale gli enti hanno dato vita alla Gestione Associata per il Turismo. 

Il vicesindaco di Capoliveri, Ruggero Barbetti con delega alle Politiche turistiche, ha sostenuto innanzi tutto che il turismo non aspetta i tempi della politica e che la Gat di cui Capoliveri è il capofila, deve agire con tempismo, efficacia e efficienza. In secondo luogo ha dichiarato che trovare l’unanimità sugli obiettivi di ogni amministrazione sarà molto complicato e infatti da più di due anni la struttura politica della Gat è in prorogatio. 

Comunque se Portoferraio, come ha spiegato Barbetti, con tutte le problematiche che deve risolvere, ha come priorità la discussione sul futuro assetto politico della Gestione del Turismo non deve fare altro che chiedere una riunione su questo tema e presentare proposte. Basterà trovare l’unanimità di tutti i Comuni e il gioco è fatto.

Andrea Gelsi, supportato dai rappresentanti degli altri Comuni ha, invece, ritenuto opportuno rinviare il punto strettamente politico ad una seduta che dovrà essere convocata separatamente, intendendo invece procedere con l’analisi delle questioni tecniche di imminente scadenza poiché in gran parte riferite alla stagione turistica 2019.

Ed infatti fra i punti all’ordine del giorno erano presenti le deliberazioni in ordine alle attività di promozione da svolgersi nei prossimi mesi per incrementare la visibilità del territorio elbano su stampa, tv e social a livello nazionale ed internazionale, il rinnovo della convenzione per mantenere sul territorio elbano durante la stagione turistica in corso la seconda squadra di Vigili del Fuoco che già da tre anni è presente sull’isola solo grazie al contributo stanziato dai Comuni elbani (fino al 2017 la II^ squadra de VdF era, infatti, finanziata con fondi della Regione Toscana), nonché il rinnovo del contributo per supportare l’azione di controllo in mare esercitato dalla Capitaneria di Porto con l’operazione “Mare Sicuro”.

Fra i punti all’ordine del giorno era presente anche l’annoso tema del canile/gattile comprensoriale. Dopo un lunghissimo iter tecnico amministrativo per la realizzazione del canile/gattile con pronto soccorso veterinario H24 che troverà collocazione nel territorio del Comune di Capoliveri (il comune è infatti capofila del progetto), la Consulta dei sindaci è stata chiamata a deliberare l’incremento della destinazione economica a carico dei comuni di 150mila euro derivanti dal Capitolato d’appalto del Progetto Esecutivo per la realizzazione dell’intera struttura a norma di legge.

Pronto il progetto esecutivo ed il conseguente computo metrico sulle spese complessivo dell’intervento, i Comuni elbani a maggioranza (Capoliveri, Porto Azzurro, Campo nell’Elba, Marciana e Marciana Marina hanno votato a favore) hanno deliberato di stanziare l’ulteriore somma di 150mila necessaria alla realizzazione dell’opera.

Incomprensibilmente, si legge nella nota inviata dal Comune di Capoliveri, la rappresentante di Rio, Cinzia Battaglia, si è astenuta adducendo a scusante di non aver visto il progetto (che però è a disposizione di tutti i Comuni da diversi mesi e per cui Ruggero Barbetti ha dichiarato che è vergognoso che un rappresentante di un Comune non venga sufficientemente preparato ad una riunione della Consulta dei sindaci) mentre invece Marino Garfagnoli di Portoferraio si è astenuto dopo che il vicesindaco Luca Baldi era andato via dalla riunione dopo che gli era stato contestato di aver fatto delle dichiarazioni false che ha rettificato solo dopo che gli era stata contestata la veridicità delle sue dichiarazioni, verbalizzate però dal segretario comunale.

“Risulta chiaro e ci sono le prove – dichiara Gelsi – che ci sono personaggi che tramano nell’ombra per evitare che la Fondazione Bastet versi a tutti i Comuni elbani il contributo promesso. Ci sono e ci sono state fughe in avanti da parte di singoli Comuni per la realizzazione di fantomatiche cliniche veterinarie nei loro Comuni fregandosene del canile/ gattile comprensoriale previsto dalla legge. E tutti devono sapere che il progetto sarà realizzabile, è bene rimarcarlo, solo grazie all’importante contributo, promesso dalla Fondazione tedesca Bastet Stiftung Hamburg, che servirà per la realizzazione di un canile e di un gattile per offrire assistenza agli animali in difficoltà e un soccorso veterinario H24".                



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Cronaca

Attualità