Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:43 METEO:PORTOFERRAIO12°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 12 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Supercoppa saudita: il tifoso prende a frustate il calciatore della squadra avversaria

Attualità mercoledì 14 settembre 2016 ore 18:38

Elisoccorso dei carabinieri, intervento della Cgil

La Funzione Pubblica Cgil commenta il caso della donna trasportata a Livorno con l'elicottero dei carabinieri a causa del peso eccessivo



CAMPO NELL'ELBA — "La necessità dell'intervento dei carabinieri per soccorrere una paziente indica che all'Isola d'Elba il diritto alla salute non è universale" così la Funzione Pubblica CGIL interviene in merito al complicato soccorso di una paziente perché troppo pesante per l'elisoccorso.

L'unico presidio di emergenza all'Elba è l'elisoccorso: "Non per scelta dei residenti e di chiunque si trovi sull'Isola - sottolinea Manuel Anselmi, responsabile FP CGIL Elba - ma è l'unico mezzo per gestire le emergenze e ha costi significativi, con tutte le difficoltà che il servizio incontra, come dimostrato dalla cronaca recente".

"È' evidente l'eventualità che condizioni meteo non adeguate potrebbero bloccare l'attività dell'elisoccorso, ma è possibile legare la propria salute alle condizioni meteo? E inaccettabilmente se ne è aggiunta una nuova: gli operatori dell'elisoccorso si sono trovati costretti a non soccorrere una paziente perché troppo pesante, la vita non può dipendere dalla portata dell'elicottero di turno - prosegue Anselmi - l'episodio ci allarma perchè sarebbe la dimostrazione che il diritto alla salute non è universale, non è garantito a tutti".

"Certamente non possiamo mettere in discussione l'operato dell'elisoccorso e in particolare la sicurezza del mezzo - sottolinea Anselmi - ma certamente, anche rispetto ai costi del servizio, sarebbe opportuno rimarcare la necessità dello stazionamento del mezzo sull'isola e sopratutto di essere dotati di un mezzo che garantisca a tutti e in egual misura il diritto alla salute e alla vita".

Non solo mezzi idonei, ma anche valutazione dei costi che garantiscano un servizio efficace: "A nostro avviso - conclude Anselmi - sarebbe necessario verificare il reale costo annuo dell'elisoccorso e verificare quale effettivo risparmio porta al sistema sanitario regionale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno