Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:13 METEO:PORTOFERRAIO10°12°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 09 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Patrick Zaki di nuovo a casa: «Grazie Italia, voglio tornare presto. Aspettatemi»

Cronaca giovedì 14 aprile 2016 ore 10:10

Ecco dov'è il petrolio elbano

Legambiente diffonde la mappa redatta dalla Key Petroleum su cui è evidenziato il giacimento petrolifero dell'arcipelago toscano



CAMPO NELL'ELBA — D 91 ERPU. Una sigla che potrebbe significare molto per il futuro dell'arcipelago toscano e per l'Elba in particolare. E' infatti con quelle poche lettere e numeri che la Key Petroleum, l'impresa petrolifera australiana interessata ai giacimenti nel Mediterraneo ha identificato la zona d'interesse estrattivo a sud dell'Elba.

La scheda, diffusa da Legambiente, evidenzia l'estensione del giacimento sul quale l'impresa ha tentato due volte di mettere le mani e per due volte è stata respinta. La multinazionale del petrolio australiana Key Petroleum ltd aveva compiuto, già nel 2010, dei rilevamenti al largo dell'Elba, ma mentre la zona a nord si rivelò povera di giacimenti, diversi furono i risultati per la zona a sud nel tratto compreso fra Pianosa e Montecristo, circa a 25 miglia dall'Elba dove furono trovati consistenti depositi di gas e petrolio.

Le trivelle furono fermate da iniziative guidate dalla stessa Legambiente e da Goletta Verde che intervenne in difesa del santuario dei cetacei trovando la sponda favorevole dell'allora ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo, nonostante l'azienda avesse compiuto già carotaggi e prospezioni sismiche avanzando diritti di sfruttamento. La questione è riemersa nel 2014 quando la compagnia si è fatta avanti di nuovo chiedendo di poter trivellare nelle zone già individuate anni prima ma il presidente Rossi anche questa volta si oppose. 

Il timore degli ambientalisti è che, se dovesse fallire il referendum sulle trivelle del prossimo 17 aprile, la partita potrebbe riaprirsi e l'esito potrebbe non essere quello degli anni passati.

"Se vincesse il no o se non si raggiungesse il quorum - spiega il responsabile toscano del Cigno Verde, Umberto Mazzantini - si riaprirebbe la partita delle trivellazioni e potrebbe rientrare in campo il giacimento a sud dell'Elba con conseguenze disastrose. Prima di tutto sotto il profilo ambientale sull'intero ecosistema della zona e sul santuario dei cetacei, poi sotto il profilo turistico che ne sarebbe gravemente danneggiata, e poi sarebbe un danno anche per i pescatori che già si vedono privati delle zone di pesca dall'accordo con la Francia".

"E non voglio pensare - conclude il responsabile di Legambiente - a cosa succederebbe se si verificasseuno sversamento di petrolio in mare così vicino alle nostre isole". 

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il vento che soffia dalle prime ore della mattina ha causato disagi nei collegamenti marittimi fra Elba e Piombino. Ecco la situazione
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS