comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:10 METEO:PORTOFERRAIO11°13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 25 gennaio 2021

PAROLE IN VIAGGIO — il Blog di Tito Barbini

Tito Barbini

In primo piano per decenni, nella politica italiana, all’improvviso non ne senti parlare più. Chiedi e nessuno sa darti notizie. Poi scopri che ha fatto una cosa che molti vorrebbero fare, ma sognano soltanto: dare lo stop alla vita di sempre e partire. Tito Barbini, classe 1945, sindaco di Cortona a 24 anni, poi presidente della Provincia di Arezzo, infine per 15 anni assessore regionale prima all’Urbanistica e poi all’Agricoltura, amico personale di Francois Mitterand. Si mette dietro le spalle tutto questo e intraprende un viaggio lungo cento giorni, che lo porta dalla Patagonia all’Alaska. Cento giorni a piedi e in corriera, per bagaglio uno zaino. Da allora attraversa confini remoti e racconta i suoi viaggi e i suoi incontri nei libri. E’ ormai, a tempo pieno, scrittore di viaggi. Più di dieci libri, non solo geografia fisica, paesaggi e luoghi, ma geografia della mente. In Patagonia o nel Tibet, un mondo altro, fatto di dolori, speranze, delusioni. Nel 2016 è uscito il libro "Quell’idea che ci era sembrata così bella - Da Berlinguer a Renzi, il lungo viaggio"

Piccolo racconto

di Tito Barbini - venerdì 08 settembre 2017 ore 08:00

scritto in un'estate tremenda, per il caldo, per gli intolleranti e i razzisti di casa nostra..

Antartide, meraviglioso vuoto. Non solo continente bianco, ma anche continente che è di tutti e di nessuno. Senza confini che lo attraversano, senza bandiere che rivendichino una sovranità, senza armi.
Continente dei pinguini che marciano dove l’istinto gli suggerisce di muoversi, lasciando dietro solo le loro orme; che si riparano insieme, quando necessario. Ne avremmo da imparare dai pinguini, noi, i padroni della terra.
Quella volta in Antartide ho dovuto farmi forza, forse violenza, per strapparmi al vuoto. Per ritornare alle considerazioni che sono di tutti i giorni.

Sì, credo proprio che sia da allora. E certamente prima di quest’estate tremenda.
In ogni caso su questo ho investito il mio tempo. In qualche modo ho provato a decifrare quanto sta succedendo al nostro pianeta.
Ho ragionato su quella globalizzazione che oggi sembra la risposta a tutto o quasi tutto e che invece, figurarsi, c’era anche ai tempi del Congo Belga. E per inciso, consiglio di lettura: provate Congo di David Van Reybrouck, storia monumentale e magnifica di un paese di cui mancavano anche le mappe, ma che possedeva il caucciù e l’uranio. Dalla giungla a Wall Street.

Mi sono interrogato sulle frontiere che un tempo proteggevano il sacro suolo della patria e che oggi tengono lontani da un bene ancora più importante, i diritti di cittadinanza.
Con Zygmunt Bauman ho girato intorno all’idea che i confini possano proteggere dall’inatteso e dall’imprevedibile - «ci permettono di sapere come, dove e quando muoverci. Ci consentono di agire con fiducia» - e ho trovato singolare che proprio il teorico della società liquida dovesse occuparsi di ciò che, tra tutto, è meno liquido: perché può essere immaginario, il confine, ma certo non liquido.

Mi ha fatto bene discutere di tutto questo insieme. Forse mi ha aiutato anche a scansare qualche arrabbiatura, come quando ho letto di Capalbio, l’Atene di Toscana come la chiamano, che è diventata un caso nazionale per l’accoglienza che non si vorrebbe concedere a cinquanta profughi. O come quando mi è toccato di ascoltare l’ineffabile Matteo Salvini sbraitare sulle città da ripulire dagli immigrati, oppure quelle frasi scritte in un libro"aiutiamoli a casa loro, non possiamo accoglierli tutti" come se cento o un milione di disperati fossero "tutti". Oppure rimandarli nei campi di tortura e di morte nella profonda Libia. Come non capire che ogni persona è una storia , nessuna persona è illegale.
Non che mi indignino meno, certe cose. Solo che preferisco ragionare. Capire. Gettare ponti. Viaggiare. Varcare confini. Incontrare "l'altro" il diverso da me e arricchirmi sempre dalla sua conoscenza.

Se possibile, indugiare lungo quelle frontiere che sono territorio misto, dall’appartenenza incerta.

E ritornare. Raccontare. Ripartire.

Tito Barbini

Articoli dal Blog “Parole in viaggio” di Tito Barbini

Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS