comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 23°25° 
Domani 24°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 11 luglio 2020

INCONTRI D'ARTE — il Blog di Riccardo Ferrucci

Riccardo Ferrucci

Riccardo Ferrucci è nato Pontedera e vive a Calcinaia. Giornalista e critico ha pubblicato numerosi volumi sul cinema e sull’arte. Tra le sue pubblicazioni “Paolo e Vittorio Taviani , la poesia del Paesaggio”, editore Gremese. Ha diretto la rivista letteraria Ghibli ed ha collaborato con importanti istituzioni pubbliche. Attualmente è funzionario della Regione Toscana.

Le storie di Francesco Nesi

di Riccardo Ferrucci - martedì 26 febbraio 2019 ore 07:00

Francesco Nesi

Francesco Nesi è nato in Toscana a San Casciano Val di Pesa, il 30 settembre del 1952, attualmente vive e lavora a Tavarnelle Val di Pesa. La sua ultima mostra “Nel segno della luna” è ospitata nei suggestivi spazi di Palazzo Pretorio a Certaldo. In Italia molte città hanno ospitato le sue mostre: Ferrara, Parma, Lucca, Bari, Roma, Siena, Torino e in Europa la sua attività espositiva ha raggiunto la Germania, la Francia, il Portogallo, la Spagna ottenendo sempre importanti riconoscimenti. Come scrive in catalogo Francesca Bogliolo “ La leggerezza, da intendersi in senso calviniano come la capacità di planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore, pervade l’atmosfera pittorica regalando suggestioni narrative. Elementi paesaggistici riconoscibili si sovrappongono a situazioni oniriche: la composizione assume le fattezze di un mosaico di vita in cui passato, presente e futuro si incontrano annullandosi a vicenda.” E’ proprio il segno della leggerezza e della lievità che pervade l’opera di Nesi, che, pur nella difficoltà del nostro vivere, riesce a trovare sogni e utopie in grado di illuminare il nostro presente e portarci verso un regno della felicità. La linea fantastica trova in Nesi un cantore ideale, che riesce a immaginare percorsi diversi e lirici per le sue storie, sempre impaginate in un ricco diario cromatico.

Vorremo partire dalla fine del tuo viaggio, ci puoi parlare di questa ultima tua mostra e del suo significato.

E’ una mostra che raccoglie un nucleo importante di opere, che vanno dalla grafica al colore. Sono partito dal segno della figura e dei personaggi per arrivare a colorare tutti gli spazi per dare un simbolo di vita e di armonia ai miei dipinti. La mostra si sviluppa su tre valori fondanti: l’amore, l’amicizia ed il rispetto della natura.

Recentemente hai portato le tue opere in Portogallo ed hai realizzato i manifesti per il Festival Internazionale Sete Sois Sete Luas ci vuoi raccontare questa tua esperienza.

E’ stata un’esperienza molto bella, c’è una grande attenzione per l’arte italiana e mi sono avvicinato anche all’opera dello scrittore Saramago, che è stato presidente onorario del Festival.

Quali sono i progetti a cui stai lavorando dopo questa importante mostra pubblica.

Sto lavorando per il Comune di Rivisondoli, dove mi hanno chiesto di realizzare il manifesto della importante rassegna del Presepe Vivente e qui realizzerò un’altra mostra personale per portare i miei sogni e le mie fantasie in questi spazi molto belli. E’ un piccolo comune dell’ Abruzzo che tiene molto a questa tradizione natalizia che porta in questo piccolo paese un turismo culturale da ogni parte d’ Italia.

Nei tuoi dipinti fantastici compare sempre questo personaggio con il cappello che segue i tuoi dipinti. Che significato assume questa figura ?

Ogni mio dipinto ha una sua storia, però c’è un filo che unisce tutti i miei lavori , dove si colloca la luna e i personaggi che ambiento in vari luoghi reali o fantastici. Tutta la mia pittura è un unico racconto costruito attraverso immagini e invenzioni sempre nuove.

La Toscana celebra quest’anno i cinquecento anni della nascita di Leonardo. Quale il tuo rapporto con questo grande artista e con la tua terra ?

Sento molto questa tradizione e in questo anno, insieme ad altri artisti, celebriamo questa figura con una mostra a lui dedicata a Vinci nella Scuola di Ottica, dove ognuno cercherà di far rivivere a suo modo l’arte di questo genio del nostro rinascimento.

Nel tuo mondo poetico la musica è molto importante, a volte dipingi dei musicisti e guardando la tua opera sembra di ascoltare una musica che si sprigiona dalla tua opera.

La musica è molto importante, cerco sempre di abbinare al musica al mio lavoro creativo, la musica e l’arte possono diventare un veicolo importante di comunicazione ed unire popoli e culture diverse.

Riccardo Ferrucci

Articoli dal Blog “Incontri d'arte” di Riccardo Ferrucci

 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cronaca

Sport