Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PORTOFERRAIO25°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 01 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nespoli: «Io come la mia Inter, poche vittorie ma di gran cuore»

Attualità venerdì 05 marzo 2021 ore 17:00

Il futuro delle 7 isole sta nella condivisione

Isola del Giglio

Questo in sintesi quello che è emerso durante la giornata online promossa da Anci Toscana dedicata al turismo e ai prodotti tipici delle isole toscane



ARCIPELAGO TOSCANO — L'Arcipelago toscano visto non più solo come un insieme di bellissime singole isole, ma come una comunità che interagisce, si confronta, condivide progetti e strategie per il suo futuro, in nome della sostenibilità e della consapevolezza, perché questo rappresenta l'unica strada per scrivere il futuro. 

E’ questo il messaggio più forte che è uscito oggi da @trazionesostenibilità, una intera giornata dedicata all’Arcipelago Toscano, per discutere e programmare i temi legati al turismo sostenibile e alle produzioni agricole tipiche del territorio. 

Un evento che per la prima volta ha coinvolto insieme sindaci, vertici regionali, associazioni, studiosi e produttori locali, per confrontarsi, rilanciare e valorizzare le sette meravigliose isole toscane; un'esperienza che ha registrato una grande partecipazione e che, come annunciato dal direttore di Anci Toscana Simone Gheri, si riproporrà ogni anno. 

E nascerà anche uno spazio dedicato “Sportello Isole”, sul modello dell’analogo “Sportello Montagna“ di Anci, per mettere in rete e tenere aperto il dialogo tra tutti i soggetti interessati.

Il programma si è articolato in due parti, legate dall’unico filo del turismo e dell’ambiente: la mattina gli Stati generali del turismo sostenibile dell’Arcipelago, con gli interventi degli attori del pubblico e del privato nell’ambito del Progetto europeo Interreg Med Winter Med; nel pomeriggio, un nuovo appuntamento del ciclo di incontri territoriali “ConosciAmo la Toscana Rurale”, dedicati alla promozione e alla valorizzazione delle produzioni locali di eccellenza, molte delle quali poco conosciute, organizzati insieme all’Accademia dei Georgofili.

In mattinata, insieme a tecnici e dirigenti regionali (Ente Parco, Toscana Promozione, Università di Pisa, Confesercenti) sono intervenuti tra gli altri gli assessori regionali al Turismo Leonardo Marras e alle infrastrutture Stefano Baccelli; il primo ha sottolineato come l'integrazione tra le imprese sia “uno dei temi sui quali dobbiamo lavorare in un sistema di promozione che non sia auto-referenziale e coinvolga gli operatori"; il secondo ha invece evidenziato l’importanza della mobilità sostenibile, aggiungendo che “all'Elba serve un cambiamento radicale, con mezzi a minor impatto ambientale”

Si sono sono tenuti quattro tavoli di lavoro, da dove sono emerse indicazioni concrete su mobilità e connessione, competitività, governance e promozione. A chiudere il presidente di Anci Toscana Simone Gheri, che tra l’altro ha esortato i sindaci a continuare sulla strada della collaborazione e a rivolgersi all'Associazione per ogni problema o proposta.

Nel pomeriggio focus su agricoltura e dei prodotti tipici, oggi considerati fondamentale anche per la promozione turistica. 

Nella prima parte sono intervenuti sindaci e amministratori: Marida Bessi sindaco di Capraia; Angelo Zini sindaco di Portoferraio; Davide Montauti sindaco di Campo; Walter Rossi, assessore del Giglio; Niccolò Censi, consigliere comunale di Capoliveri; Nivel Anselmi, consigliera comunale di Marciana. 

Da parte di tutti è emerso come sia particolare e difficoltoso coltivare la terra sulle isole toscane, prevalentemente montuose e fatte di terrazzamenti, dove è impossibile utilizzare grandi macchine agricole. E' inoltre emersa la necessità di fare rete e collaborare per promuovere i prodotti tipici, proprio a partire dalla loro specificità. 

Poi gli interventi dei produttori, che hanno raccontato le loro esperienze nei vari settori, ciascuno dei quali inquadrato da un punto di vista nutraceutico dagli studiosi dei Georgofili: vino, filiera ittica, miele, orticoltura, ovini e caseifici, olio, liquori e cosmetici, pane e dolci. 

Si è parlato tra l'altro anche di nuove economie collaborative e organizzate, come quella del Centro di Economia circolare di Gorgona, l’isola che ospita dal 1869 una colonia penale agricola, e della Cooperativa di Comunità, che promuove sull’isola del Giglio le attività tradizionali legate all’olivicoltura e alla pesca.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo è stato trasferito in codice rosso al Pronto soccorso dell'ospedale elbano perché l'elisoccorso non era disponibile nell'immediato
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità