Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:13 METEO:PORTOFERRAIO24°30°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 28 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, Federica Pellegrini: «Senza Matteo avrei smesso qualche anno fa»

Attualità sabato 16 maggio 2020 ore 08:00

I fedeli potranno partecipare alla messa in chiesa

celebrazione messa
Foto di repertorio

Le regole da seguire nella parrocchia del Duomo e nella parrocchia di San Giuseppe per non creare assembramenti nel rispetto delle norme anti-Covid



PORTOFERRAIO — Riprendono, a partire da lunedì 18 Maggio, le celebrazioni religiose nel Duomo di Portoferraio. Lo rende noto il parroco, don Sergio Trespi che comunica anche l'orario delle celebrazioni delle sante messe. Da lunedì al sabato il sacerdote officerà alle 18. La domenica e nei giorni festivi le celebrazioni invece saranno due: una al mattino, alle 11 e l’altra alla sera, alle 18. A ogni messa saranno presenti dei volontari del Duomo che guideranno i fedeli nell'osservanza delle disposizioni anti-coronavirus. In base al protocollo sottoscritto da Cei e Governo, i fedeli dovranno sistemarsi sulle panche nei punti indicati, a una distanza minima di 1,5 metri l'uno dall'altro (anche nel caso di familiari). Si dovrà sempre indossare la mascherina durante tutto il periodo in cui si svolge l’ufficio sacro e le offerte della colletta andranno messe nelle cassette disposte nella navata. Al termine delle funzioni religiose un volontario della parrocchia farà uscire via via i fedeli, senza creare assembramenti in prossimità delle porte d’ingresso.

Anche nella chiesa di San Giuseppe a Carpani, sempre nel Comune di Portoferraio, dal 18 Maggio riprendono le celebrazioni religiose. Come fanno sapere dalla parrocchia l'accesso individuale ai luoghi di culto si deve svolgere in modo da evitare ogni assembramento sia nell'edificio sia nei luoghi annessi, come per esempio le sacrestie e il sagrato.  L'accesso alla chiesa resta regolato da volontari e/o collaboratori che, indossando mascherina e un segno di riconoscimento, favoriscono l'accesso e l'uscita e controllano il numero massimo di presenze consentite in base alla capienza dell’edificio tenendo conto della distanza minima di sicurezza tra le persone pari ad almeno un metro e mezzo, laterale e frontale. Nella chiesa di San Giuseppe è consentito l'ingresso ad un massimo di 100 persone. Non è consentito accedere in caso di sintomi influenzali/ respiratori o con temperatura superiore ai 37,5° C o a persone che siano state a contatto con persone positive a SARS-CoV-2 nei giorni precedenti.

Per motivi sanitari inoltre è temporaneamente abolito il segno della pace, le acquasantiere saranno vuote, sono aboliti i foglietti per seguire la messa e all'ingresso o fedeli dovranno igienizzarsi le mani con gli appositi prodotti, oltre ovviamente all'obbligo di indossare la mascherina per coprire bocca e naso.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Mentre sono in corso le operazioni di bonifica a Porto Azzurro per l'incendio di oggi, divampano le fiamme verso Rio
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport