Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:50 METEO:PORTOFERRAIO14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 22 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
All’Eredità su Rai1 la frase di Marco Liorni sull'oro alla Patria fascista: «Gesto patriottico». È polemica

Cronaca giovedì 28 maggio 2015 ore 01:00

Segretario generale indagato per truffa aggravata

Bufera in Comune a Portoferraio: il segretario generale Michele Pinzuti è sotto indagine da parte della magistratura livornese per truffa aggravata



PORTOFERRAIO — I sussurri e le voci che agitano da qualche tempo gli uffici e i corridoi della Biscotteria hanno adesso un riscontro ufficiale: la procura di Livorno ha aperto un fascicolo a nome del segretario generale Michele Pinzuti e, concluse le indagini preliminari, il reato ipotizzato a suo carico è la truffa aggravata.

Un colpo durissimo per la macchina amministrativa portoferraiese dato il ruolo apicale svolto dal segretario generale a cui è stata affidata ad interim anche la direzione delle tre aree gestionali del Comune.

Secondo le ricostruzioni della Procura il fatto avrebbe origine alla fine dell'anno scorso e ruoterebbe intorno ad un complesso edilizio che sarebbe dovuto sorgere nella zona di Val di Denari. A tale scopo, una società appositamente costituita, la Val di Denari srl, di cui fa parte la ditta di costruzioni Ferrini,avrebbe dovuto stipulare una convenzione con il Comune. Sul terreno alla periferia di Portoferraio sarebbero dovuti sorgere una decina di appartamenti per un'operazione complessiva che si aggira sui due milioni di euro.

Il presunto illecito sarebbe avvenuto al momento della firma della convenzione, momento in cui Pinzuti avrebbe richiesto la somma di 5mila euro in contanti a titolo di una generica "trascrizione degli atti". Secondo gli inquirenti livornesi il passaggio di denaro ci sarebbe stato integrando quindi il reato di truffa dato che gli oneri effettivi sono molto minori.

Poche settimane dopo, il 24 gennaio 2015, i Ferrini, stante il silenzio da parte del segretario, si sarebbero rivolti direttamente al sindaco Mario Ferrari che li avrebbe accompagnati al comando di Guardia di Finanza di Portoferraio (che ha poi eseguito parte delle indagini) avviando la procedura di esposto e facendo partire le indagini a carico di Pinzuti.

Il magistrato avrebbe quindi ravvisato gli estremi per procedere secondo l'articolo 640 del codice penale (Chiunque, con artifizi o raggiri, inducendo taluno in errore, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno) con l'aggiunta dell'aggravante comune data dalla posizione di pubblico ufficiale del segretario generale.

Le indagini preliminari si sono concluse lo scorso aprile e in questi giorni la notifica sta viaggiando dall'Ufficio del dibattimento della Procura ai diretti interessati in base all'articolo 415 bis del codice di procedura. Dal ricevimento Pinzuti, rappresentato dall'avvocato Spagnoli di Cecina, avrà 20 giorni di tempo per presentare le memorie difensive o chiedere di essere ascoltato, sarà quindi il Gip a decidere il rinvio a giudizio, l'archiviazione o chiedere un'integrazione delle indagini.

Nel frattempo, secondo fonti legali, Pinzuti avrebbe già provveduto alla restituzione della somma in due tranches, una di 4mila euro e una di 710 euro trattenendo i 290 euro che sono gli effettivi oneri di trascrizione. Oltre ciò il Pinzuti avrebbe anche staccato un assegno per ulteriori 1.290 euro a titolo di risarcimento e questo potrebbe far supporre che sia parte di una strategia difensiva volta a far pesare la restituzione come attenuante comune.

Le indagini della magistratura potrebbero però non fermarsi qui e investire altri atti stipulati dal segretario generale a nome del Comune di Portoferraio.

Dalla Biscotteria arriva al momento una stringata dichiarazione: "Se la notizia riportata si rivelasse esatta - afferma il sindaco Mario Ferrari - siamo pronti a tutelarci in tutte le sedi opportune".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I proprietari ormai anziani devono trasferirsi in paese e cercano una sistemazione per il pony. Ecco le informazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità