Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PORTOFERRAIO16°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 14 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Bossi: «Salvini? Serve andare verso un nuovo leader»

Attualità venerdì 22 maggio 2015 ore 17:05

Esposto del Pd, Consiglio a rischio scioglimento

Il Pd di Portoferraio presenterà un esposto in Prefettura sulle irregolarità tecniche del bilancio 2014. E rimane il rischio del commissario regionale



PORTOFERRAIO — Il Pd di Portoferraio va all'attacco e sul bilancio consuntivo 2014 ricorre agli organi di giustizia.

In una conferenza stampa terminata poche ore fa la capogruppo consiliare Cosetta Pellegrini, accompagnata da tutto il circolo Pd, ha annunciato che "Il periodo di valutazione dell'operato della giunta Ferrari è finito ed è un fallimento". A cominciare dalla questione del bilancio che esce dalla sala consiliare per entrare nell'ufficio del vice prefetto Daveti.

Sono molte le irregolarità denunciate dalla Pellegrini nell'atto deliberato l'altro ieri, irregolarità che, se venissero accertate, potrebbero portare allo scioglimento anticipato del consiglio comunale.

"Il 28 aprile (penultimo consiglio comunale, ndr) ci hanno detto che il bilancio era pronto ma mancava il riaccertamento dei debiti straordinari quindi è stato tutto rimandato al 20 maggio, ultimo giorno utile per legge per approvare il bilancio. Nel frattempo - continua la Pellegrini - in conferenza dei capigruppo hanno presentato una bozza ed è la stessa che hanno votato in consiglio senza nemmeno il riaccertamento promesso. Non una delibera ma una bozza. E pure sbagliata dato che sono riportati i dati del 2013 e non del 2014. Questa è una situazione di totale incapacità amministrativa che i cittadini non meritano".

Le questioni sul tavolo sono quindi due per due atti separati: per il bilancio vale quanto detto (approvazione nell'ultimo giorno utile) mentre il riaccertamento è un atto di giunta che secondo gli uffici stessi andava approvato contestualmente e mancando quello resta il pericolo di un commissariamento regionale ad acta, cioè solo per la parte amministrativa anche se il Comune ha fatto sapere che adempierà in settimana.

Nell'esposto al Prefetto la denuncia del Pd non si ferma però al bilancio: "Questo Comune è fermo da mesi: nessuno firma più niente, non si producono atti necessari - continua la Pellegrini - sono molte le irregolarità: abbiamo un sesto assessore sulla cui legittimità sta valutando il Ministero dell'Interno, concorsi per il personale deliberati da tre assessori senza quindi il numero legale, due vice segretari anzichè uno come ci spetterebbe mentre il segretario comunale a cui sono state date tutte le deleghe è part time con Marciana Marina".

Proprio la figura del segretario Michele Pinzuti finisce al centro di un'altra polemica: "E' stato nominato nel cda della partecipata comunale Cosimo de' Medici proprio mentre l'amministrazione ha annullato il regolamento che regolava l'incompatibilità degli incarichi. Dato che la trasparenza in questo Comune non esiste faremo un accesso agli atti per capire quanto guadagnano i dirigenti".

Ad allargare il discorso è il segretario del Pd portoferraiese Paolo Andreoli: "Non sono stati capaci di far partire un progetto per la città, nemmeno quelli che avevamo lasciato già finanziati. Il Forte inglese e il centro giovani li avevamo avviati noi, per il resto il nulla. E' un fallimento completo e ora che arriva la stagione si bloccherà tutto. Per non parlare del clima dentro il municipio, il segretario comunale ha rimesso le deleghe e non firma più niente se non glielo chiede il sindaco mentre il personale degli uffici è costretto a fare più del dovuto".

"Non ci sono progetti strategici in nessun ambito della città: hanno fatto quattro gare per il verde pubblico che hanno ritirato per autotutela perchè erano sbagliate, eppure - conclude Andreoli - sembrava che il decoro urbano fosse importante per il sindaco in campagna elettorale".

L'ultima battuta la regala Antonella Giuzio: "Il Forte inglese è tenuto aperto dalla buona volontà di un dipendente comunale, ma non è questo il modo di promuovere la cultura. La Villa romana delle grotte è abbandonata ma il sindaco aveva promesso che ne avrebbe affidato la gestione entro la stagione, forse pensava alla prossima".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Soccorsi attivati prima per un uomo colpito da un malore cardiocircolatorio e successivamente per una donna caduta durante la gara di trail
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Cultura