Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Cultura venerdì 09 ottobre 2015 ore 19:07

Scoperte e scuole, si chiude in bellezza lo scavo

E' terminato oggi lo scavo alla villa romana di San Giovanni fra importanti scoperte archeologiche e una grande partecipazione delle scuole



PORTOFERRAIO — Si chiude con ottimi risultati il quarto scavo archeologico alla villa romana di San Giovanni. Anche quest'anno la cooperazione fra le università di Siena, Firenze e la Normale pisana e le associazioni culturali come Italia Nostra e Aithale ha permesso di capire più e meglio la storia dei resti romani di Portoferraio.

Una vera svolta sotto il profilo storico e scientifico, come racconta il professor Franco Cambi che ha guidato lo scavo: "Quella che pensavamo essere una semplice casa di campagna si è rivelata una villa più antica della villa delle grotte di almeno un paio di generazioni. Pensiamo quindi che la famiglia dei Valerii abbia in un primo momento abitato qui, intorno al 200 a.C. e solo dopo costruito la villa celebrativa delle grotte".

Un cambiamento di prospettiva che porta sullo scavo di San Giovanni una luce totalmente nuova e lo rende ancora più prezioso: "Abbiamo iniziato nel 2012 cercando tracce di un forno per la lavorazione del ferro dopo gli scavi di Baratti e Populonia. Non lo abbiamo trovato ma abbiamo trovato questa - indicando le fondamenta della casa che emergono dal terreno - sappiamo ora che si tratta di una casa contadina riconvertita dopo la fine dello sfruttamento metallurgico dell'isola. Immaginiamo che quattro generazioni di Valerii abbiano abitato qui raggiungendo l'apice in Valerio Messalla.

Questa era una casa semplice ma funzionale che bruciò per un violento incendio. Questi sono i resti di cinque vasi infossati che servivano alla fermentazione del vino".

Uno scavo che quest'anno ha visto anche il coinvolgimento delle scuole in maniera significativa: "Grazie alla generosità della famiglia Gasparri più di 1.400 tra bambini e ragazzi sono venuti a visitare lo scavo e vedere dal vivo il lavoro dei volontari. Penso che si possa valorizzare ancora di più: i risultati lasciano sperare che questa possa essere ora un'eccellenza nel panorama culturale di Portoferraio e che possa essere inserita nel famoso museo della rada di cui si parla da qualche tempo, insieme alla villa delle grotte e al museo della Linguella".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Purtroppo è stato inutile ogni tentativo di rianimazione effettuato dai soccorsi intervenuti nella notte nella sua abitazione
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Politica