Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:53 METEO:PORTOFERRAIO15°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 11 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultimo saluto a Luana, morta sul lavoro a 22 anni: applausi, palloncini e forte commozione

Attualità lunedì 12 giugno 2017 ore 15:14

Sanità, Portoferraio come a Volterra

Raccogliamo l'intervento di Francesco Semeraro, storico attivista in campo sanitario, che fa eco alla protesta del sindaco Ferrari a Portoferraio



PORTOFERRAIO — "Se un sindaco si oppone al depotenziamento e ai tagli dell'ospedale, non ha diritto di confrontarsi. Così a Portoferraio e a Volterra", inizia così la lettera di Francesco Semeraro in merito all'ultimo appello lanciato dal sindaco di Portoferraio (leggi l'articolo consigliato).

"Il sindaco Ferrari sono anni che chiede incontri con la Regione e con l'ASL perchè preoccupato dall'evidente depotenziamento dell'ospedale e oltre a non venir ascoltato pur essendo l'Amministratore del paese più vasto e dove sorge l'ospedale, non riceve neanche risposte. - ha aggiunto - Evidentemente per l'ASL e la Regione ci sono sindaci meritevoli di ascolto e altri no".

Entra in ballo, dunque, la recente mobilitazione avvenuta a Volterra mossa dal sindaco Marco Buselli che, preoccupato per il depotenziamente del presidio ospedaliero del posto, si è barricato sul torrione della città.

"Per questo gesto si è visto estromettere il proprio vicesindaco delegato a rappresentarlo dal confronto sulla sanità svolto in una sala a Volterra. Ad escludere la rappresentanza delle Istituzioni Volterrane è stata l'assessore regionale alla salute Saccardi forse perché non ha gradito la protesta di un sindaco che ha a cuore la salute dei suoi concittadini e che chiede di discutere e definire le richieste sanitarie dei Volterrani senza fughe in avanti o protocolli improvvisati e rabberciati. L'assessore regionale alla salute e i vertici dell'ASL dimenticano che i Sindaci sono le prime e responsabili Istituzioni del territorio e il cittadino Italiano quando non riceve o gli si nega una cura adeguata per la sua salute non si rivolge alle alte cariche regionali o aziendali ma al suo sindaco che per legge è il primo responsabile della salute della comunità che Amministra. Rispettare chi indossa la fascia tricolore significa rispettare il cittadino Italiano e questo molto spesso chi sta nei palazzi alti lo dimentica".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS