Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:PORTOFERRAIO18°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Europei Atletica, Italia oro nella 4x100 maschile: la gara

Attualità venerdì 18 agosto 2017 ore 09:46

"Sindaco, non faccia propaganda ma amministri"

Pino Coluccia

I consiglieri di minoranza riesi intervengono sulle questioni sollevate dalla Corte dei Conti: "Adesso chiuda il Rendiconto 2016"



RIO NELL'ELBA — Un documento unitario dei consiglieri di minoranza di Rio Elba si inserisce nella questione aperta dalla pronuncia della Corte dei Conti sui bilanci comunali.

"Il Sindaco ed i suoi 'consulenti-propagandisti' - si legge in una nota dlla minoranza -   si stanno barricando dietro il recente Pronunciamento della Corte dei Conti sul Rendiconto 2014 del Comune di Rio Elba, nel quale, stante le incomplete e talvolta contraddittorie informazioni fornite dal Revisore e dal Sindaco stesso, la stessa Corte richiama l'amministrazione a risanare, sempre che non se ne chiarisca ulteriormente i dati, il disavanzo per spese vincolate di circa € 4.500.000,00. Il Sindaco, insieme ai suoi solerti consulenti-propagandisti, omette di dichiarare, anche alla stampa, che tale risanamento è già stato realizzato con il Rendiconto 2015, oltretutto da loro stessi approvato in Consiglio e nel quale il disavanzo per spese vincolate scende drasticamente a € 962000,00; e questo si è potuto realizzare proprio perché si è proceduto ad una più completa e precisa ricognizione delle spese vincolate. Possiamo aggiungere che se nel redigere questo Rendiconto 2015, si fossero inserite le entrate accertate per violazioni tributarie, il disavanzo sarebbe pressoché scomparso; questo è confermato proprio nel Bilancio di previsione 2017, dove il disavanzo è pressoché azzerato. È quindi fin troppo chiaro che, sia nei confronti delle richieste della Corte, sia nei confronti dei funzionari contabili di Capoliveri, che hanno redatto i due Rendiconti del 2014 e del 2015, da parte del Sindaco e del Revisore non si sono forniti in tempo e completezza tutti i dati contabili, finanziari, prodotti dalla funzionaria Merlini e dalla consulente De Castelli, necessari ad una ricognizione più veritiera e rappresentativa della situazione finanziaria del Comune e che avrebbe messo fine alla continua campagna denigratoria dei falsi consulenti. E questo perché si sono frapposti ostacoli a chi aveva ricevuto l'incarico di elaborare e analizzare questi dati. Ora attendiamo con ansia e invitiamo il Sindaco, il Commissario ad actum e la Prefettura ad affrettarsi per predisporre ed approvare il Rendiconto 2016, elaborandolo correttamente e noi vigileremo che ciò avvenga ed a presentarlo al più presto al Consiglio Comunale appositamente convocato. Siamo dell'avviso che il Rendiconto 2016, se compilato correttamente, metterà fine alla messa in scena che il Sindaco ed i suoi consulenti hanno alimentato dall'inizio del mandato sulla mancanza di soldi per giustificare incapacità, incompetenza e pressappochismo, anche se  - concludono  i consiglieri di minoranza - non si potranno recuperare questi anni persi inutilmente per il Paese".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Maltempo previsto per la giornata di domani con l'emittente di un bollettino di vigilanza meteo con codice giallo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cultura e Spettacolo

Attualità