Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:52 METEO:PORTOFERRAIO13°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 29 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il Texas prima e dopo gli incendi, la devastazione vista dal satellite

Attualità martedì 02 aprile 2019 ore 13:00

"Miniere, si alla bonifica ma restino i laghetti"

Laghetto rosso cancellato, discarica del Puppaio (foto di repertorio)

Legambiente fa appello all'amministrazione comunale di Rio e chiede un progetto aperto e condiviso sulle aree ex minerarie del versante riese



RIO — "Dopo la conferenza dei servizi del 22 dicembre 2016 che bocciò il 'Progetto di bonifica del sito loc. Puppaio'- dichiara in una nota l'associazione ambientalista - Legambiente Arcipelago Toscano chiese l’apertura di un confronto pubblico sul futuro di quell’area delle ex miniere di Rio Marina, 'per evitare tra l’altro che scompaiano i laghetti rossi diventati il simbolo stesso delle miniere elbane e di un’area compresa nella World Heritage list of geological sites of Unesco'".

"Un laghetto, quello temporaneo, - spiega Legambiente - è già stato cancellato e quello che invece si nota subito arrivando nella zona del Puppaio è la vecchia discarica illegale di rifiuti (situazione denunciata più volte da Legambiente) che contiene non solo gli inerti edili a cui era destinata e che avrebbero dovuto essere lavorati in loco per diventare materiale da riutilizzare in ambito edilizio e per la pavimentazione di strade, ma ammassi di materiali, anche pericolosi, e plastiche". 

Secondo Legambiente gli studi commissionati dall'ex Comune di Rio Marina nel 2011 non segnalavano particolari emergenze relativamente ai due laghetti rossi.

A parere dell'associazione ambientalista "la bonifica più urgente resta quella della grande e indecente discarica del Puppaio, realizzata dentro un Parco Nazionale e nella zona speciale di conservazione e zona di protezione speciale Elba Orientale".

"Legambiente - prosegue la nota - chiede alla nuova amministrazione comunale e a tutte le istituzioni interessate di ripensarci: 'bonificare' una discarica semplicemente ricoprendo i rifiuti per 'bonificare' un laghetto minerario sarebbe un evidente controsenso, sarebbe cancellare un pezzo di storia e bellezza, e già troppa storia e bellezza è stata cancellata in quell’area, a cominciare dalla demolizione del Dormentorio e dalla privatizzazione della spiaggia della Villa del Direttore, che chiude l’accesso anche ad un importante sito archeologico".

"Legambiente Arcipelago Toscano ritiene le bonifiche assolutamente necessarie, ma ritiene altrettanto necessario – mentre circolano addirittura ipotesi di piste da motocross nell’ex area mineraria del Parco Nazionale – mantenere le caratteristiche che rendono quei luoghi unici al mondo, non rinnegando la loro storia e valorizzando le attività agricole, turistiche, escursionistiche e degli sport outdoor sostenibili che si sono faticosamente affermate". 

Secondo Legambiente le ex aree mineraria hanno bisogno di un progetto condiviso e sostenibile che le valorizzi con il coinvolgimento del Parco nazionale, delle associazioni di categoria e dei cittadini. 

Perciò l'associazione chiede che anche il secondo laghetto non faccia la stessa fine del primo e per questo fa appello "alla nuova amministrazione comunale di Rio e al Sindaco Corsini di esprimersi subito sul proseguimento di un progetto di bonifica insensato che seppellisce i rifiuti in un Parco e cancella gioielli della natura e della storia elbana invece di vederli come risorse per uno sviluppo turistico intelligente, e più in generale come doni del nostro passato al nostro futuro".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La presidente della Pubblica Assistenza Capoliveri spiega quanto accaduto sul porto di Piombino ad un mezzo con due pazienti oncologici a bordo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

STOP DEGRADO