QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 27°30° 
Domani 25°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 25 agosto 2019

Politica domenica 02 ottobre 2016 ore 11:22

"Meglio rinchiuderli a Pianosa?"

Il sindaco Renzo Galli spiega le ragioni della sua proposta di ospitare alcuni minori rifugiati e richiedenti asilo sul territorio comunale



RIO MARINA — "E’ più riprovevole proporre un progetto mirato di accoglienza per immigrati minori non accompagnati o di accogliere gli immigrati sull’isola di Pianosa?".

Comincia così, con una domanda, la risposta di Renzo Galli, sindaco di Rio Marina, alle molte polemiche e reazioni che ha suscitato la sua proposta di ospitare nel paese elbano alcuni minori rifugiati o richiedenti asilo effettuata durante un incontro che si è tenuto in Prefettura con tutti i sindaci della provincia.

"Assistendo al polverone creato sui media locali e non solo, a seguito della mia dichiarata disponibilità, espressa nel corso del recente incontro in Prefettura, a prendere in considerazione progetti mirati d’accoglienza, condivisa dai comuni della costa che si trovano a gestire un’ emergenza di secondo livello, e di fronte alla proposta alternativa di creare un centro d’accoglienza a Pianosa, mi sono posto questa domanda. 

Proposta sulla quale vorrei sentire la voce degli ambientalisti, del Parco Nazionale e degli stessi vacanzieri che, non so come e con quali tutele dell’ambiente, affollano in estate copiosamente l’isoletta. Ma veniamo al punto. 

Tutti i sindaci della costa hanno fatto presente al Prefetto che l’accoglienza sui loro territori, in parte anch’essi turistici, non può continuare ad essere gestita con la logica delle quote assegnate, ma servono progetti che prevedano l’integrazione, ma soprattutto lo scambio di benefici attraverso l’impiego in lavori socialmente utili per evitare conflitti con le classi meno abbienti, che su quei territori vivono di assistenza e che si vedono trascurati nei loro diritti di cittadinanza. 

Posizione in linea di principio giusta e condivisibile di fronte a un problema che certo non può essere ignorato a meno che non si interrompa l’accoglienza di primo livello. 

Poiché dopo non poche insistenze avevo convinto le suore salesiane Figlie di Maria Ausiliatrice a riprendere la loro attività nella struttura di Rio Marina, abbandonata dopo 107 anni, in favore dei giovani locali, avevo anche avallato, perché giudicato meritorio, un loro progetto di accoglienza di minori orfani richiedenti asilo, successivamente decaduto. 

Cogliendo l’occasione di un progetto analogo, la Casa famiglia proposto dalla Regione Toscana con la collaborazione della Fondazione Giovanni Paolo II, ho semplicemente proposto alla religiose di riprendere il discorso di solidarietà con un progetto mirato che andasse nella direzione da me auspicata. 

Per oggettive ragioni di adeguamento e di funzionalità dei locali necessari anche questo progetto è tramontato, come puntualmente rappresentato dalla responsabile locale della Famiglia Religiosa. 

Quindi nulla di fatto se non il polverone creato dalla notizia, ahimè non puntualmente presentata e soprattutto non correttamente rapportata alla devastante alternativa proposta. 

Ai miei concittadini che hanno avversato il progetto dico: Rio Marina è sempre stata un esempio d’accoglienza per naviganti, minatori, naufraghi e persino per i fedeli di una chiesa e della chiesa stessa al tempo fuori legge ed empia". 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport