QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 17°18° 
Domani 16°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 26 maggio 2019

Attualità mercoledì 22 marzo 2017 ore 17:04

Legambiente risponde al sindaco

Sulla questione deI Dormentorio, l'associazione ambientalista risponde al sindaco Galli: "Le foto parlano da sole, giudicate voi"



RIO MARINA — Dopo le precisazioni inviate dal sindaco di Rio Marina Renzo Galli, arriva a stretto giro la risposta di Legambiente: "Noi avevamo segnalato, lo scorso 6 marzo 2017 che nell’area dei lavori in corso al Dormentorio, erano in corso grossi spostamenti di terra.

Ci siamo recati sul posto ed abbiamo potuto verificare che: accanto a dove è stato abbattuto il Dormentorio ed è stata realizzato un grande escavo e una platea di cemento, ci sono alcuni grossi sacchi bianchi per il conferimento dei detriti di cantiere, ma la gran parte dello scavo, comprese macerie ed altri materiali sono stati sversati ed accumulati nella piccola scarpata ad est dell’ex edificio, interessando la vegetazione presente e senza nessun tipo di contenimento. Inoltre sembrerebbe sia stata aperta nella vegetazione una traccia per consentire il passaggio di diversi cavi".

"Dalla risposta risulta chiaro che il sindaco Galli ha approfittato artificiosamente di una semplice richiesta di chiarimenti di Legambiente per sollevare una polemica che in realtà riguarda esclusivamente il Piano del Parco e una sua idea di sviluppo che ci pare molto datata, ma fatta passare per sviluppo sostenibile, formula ormai usata anche per perorare l’insostenibile.

Per il resto, lasciamo a chi avrà voglia di guardare le foto inviateci,che a questo punto rendiamo note, di valutare se lo spostamento di terra e macerie realizzato abbia avuto o meno un impatto sulla vegetazione protetta, sull'habitat boschivo e sul territorio di quello che comunque sarebbe un Parco Nazionale".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità