Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:32 METEO:PORTOFERRAIO16°17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 15 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Medico di famiglia, tutto quello che non funziona. Ecco cosa deve cambiare

Attualità martedì 02 aprile 2024 ore 18:09

Inaugurato il museo a cielo aperto

Sono sette le installazioni nelle varie zone del paese di Rio Marina per testimoniare la storia mineraria del paese e dell'Elba



RIO — Una passeggiata nella storia mineraria dell’Isola d’Elba, dalle ex Officine San Jacopo fino a Via Magenta, sede del Parco Minerario. A Rio Marina è stato inaugurato ufficialmente oggi, martedì 2 Aprile,  il “Museo a Cielo Aperto”, una serie di sette installazioni di reperti meccanici delle vecchie miniere di Rio, selezionati accuratamente da Antonella Milani e restaurati, anzi rimessi praticamente a nuovo dalle sapienti mani degli artigiani riesi. 

Lo fa sapere l'amministrazione comunale di Rio attraversa una nota.

Il sindaco di Rio Marco Corsini, accompagnato da alcuni dei suoi amministratori comunali e dalla presidente del Parco Minerario, Alberta Brambilla Pisoni, ha proceduto a scoprire uno per uno i pezzi, installati nelle vie principali del paese e corredati da un cartello illustrativo in tre lingue e da un “QR code” che, inquadrato da uno smartphone, dà accesso ad un video con l’illustrazione delle funzioni di ogni reperto. 

Molta la curiosità intorno a questo nuovo percorso, che ha riportato nel cuore del paese quelli che erano gli strumenti di un duro lavoro che ha segnato la vita di Rio Marina; basti pensare che ai primi del ‘900 con l'industria mineraria il paese dava lavoro a 1.300 persone, con 450.000 tonnellate all’anno di minerale estratto. 

A quel tempo la popolazione riese arrivò a superare i 5.000 abitanti, perché giunsero lavoratori anche dal continente. Un periodo del quale è importante conservare la memoria storica e tramandarla per quanto possibile ai giovani.

“Questa è soltanto la prima tappa di un percorso che attraverserà tutto il paese – ha detto il sindaco Marco Corsini – è una iniziativa condivisa a cui teniamo, nella quale il paese si può riconoscere. Il nostro territorio sta cambiando attraverso importanti opere pubbliche come ad esempio la riqualificazione degli Spiazzi, ma è altrettanto essenziale ricordare il nostro passato, come faremo a breve attraverso l’apertura della Galleria di Rosseto che è stata restaurata e sarà visitabile dal pubblico, ma anche con la prossima iniziativa al Museo Archeologico di Rio nell’Elba, dove riprodurremo gli ambienti preistorici del periodo del Rinaldone, facendo uno sforzo per riportare davanti agli occhi di tutti la storia del territorio anche ben oltre Napoleone, dove quasi sempre le nostre narrazioni storiche si fermano". 

"Saremo i primi all’Elba a guardare nella nostra preistoria – ha concluso il sindaco Corsini - andando a riscoprire e a raccontare ai nostri visitatori con dovizia di particolari le nostre radici”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Secondo la ricostruzione degli inquirenti c'era una vera e propria struttura organizzativa per rilasciare permessi anche contro la legge
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Cronaca