Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:57 METEO:PORTOFERRAIO21°25°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 23 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il pezzo di un razzo spaziale cinese si schianta sulla città: gente terrorizzata in fuga
Il pezzo di un razzo spaziale cinese si schianta sulla città: gente terrorizzata in fuga

Attualità mercoledì 29 maggio 2024 ore 14:29

"Onde anomale mangiano la spiaggia di Cavo"

L'allarme arriva da Legambiente Arcipelago Toscano che ha ricevuto varie segnalazioni dopo l'ingresso del trattamento di Corsica Ferries



RIO — "In questi giorni le spiagge del Comune di Rio sono state oggetto di operazioni di riprofilatura e ripascimento che non sempre sembrano essere state rispettose della natura dei luoghi e che speriamo abbiano fine presto, visto anche il probabile inizio anticipato della stagione di nidificazione delle tartarughe marine Caretta caretta, spinte sempre più alla ricerca di nuove spiagge nel Mediterraneo nord-occidentale per sfuggire al mare e alla sabbia sempre più caldi".

Si apre così una nota di Legambiente Arcipelago Toscano in merito ai recenti fenomeni accaduti a Cavo.

"Quello che però è successo a Cavo e segnalato a Legambiente da cittadini e operatori turistici è l’ennesima conseguenza di un problema che denunciamo ormai da anni e che a Cavo sembra essere più grave che altrove: - prosegue Legambiente-  le onde anomale sollevate dal passaggio della nave veloce della Corsica Ferries. Infatti, la spiaggia del Cavo appena riprofilata per sopperire all’erosione in corso è stata subito rimangiata e travolta da queste onde innaturali che creano una specie di muro d’acqua che avanza velocissimo e impatta violentemente sulla piaggia, devastando la prateria di Posidonia oceanica a mare ed erodendo quanto appena realizzato".

"Il risultato è uno “scalino” proprio dove la spiaggia era stata riallargata e le prime file delle sdraio e degli ombrelloni travolte e allagate, con i bagnanti in fuga.
Lo abbiamo già detto e continuiamo a ripeterlo: per una tratta così breve le navi veloci non sono una necessità – anche perché ci sono gli aliscafi – e hanno un impatto sulla costa, non solo quella di Cavo, empiricamente valutabile e soprattutto evitabile. - prosegue Legambiente- Chiediamo quindi che da subito si mettano in atto misure di mitigazione per impedire che il passaggio di una nave privata distrugga il lavoro fatto con soldi pubblici, acceleri l’erosione e danneggi altre imprese. Chiediamo che nella discussione sulle prossime concessioni di linee alle compagnie navali si tenga conto anche di quel che è davvero sostenibile e necessario per l’Elba e per una tratta marittima così breve".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È venuto alla luce ieri il piccolo Damiano, figlio della giornalista Dina Maria Laurenzi della redazione di QUInews-Toscanamedia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità