QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 12°14° 
Domani 12°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 27 febbraio 2020

Politica domenica 29 aprile 2018 ore 01:26

De Santi: "Passo il testimone a un riese vero"

Claudio De Santi

L'ex sindaco di Rio Elba in occasione della presentazione della candidatura di Umberto Canovaro ripercorre i tre anni della sua legislatura



RIO — "Oggi ho partecipato, non senza una nota di malinconia ,al passaggio di testimone ad Umberto Canovaro aspirante candidato Sindaco del nuovo Comune di Rio. Credo di averlo fatto ad un Riese vero, degna persona nella quale sono certo si possano riporre delle aspettative per l’intera comunità. Mentre parlava , ed era giusto fosse lui, ho rievocato in pochi attimi il mio mandato dei mille giorni ed ho riflettuto su quanto fatto. Ripensavo alla scuola ormai terminata, alla start up, al progetto albergo diffuso,ai lavori al campo sportivo, all’evento reliquie di Giovanni Paolo II, ad aver creduto fin da subito ad Elbabook festival, alle feste in piazza sudate per mancanza di denaro, all’ascensore fatto e donato al piccolo Maurizio, all’avanzamento degli studi del problema sinkhole con presidio per giorni e notti,ai problemi economici e tecnici che ho dovuto affrontare dinanzi ad enti, procure e organi istituzionali, alle esperienze lavorative create con la struttura penitenziaria di Portoazzurro, alla ristrutturazione del bel Palazzo Comunale, ai lavori fatti al cimitero, alle riunioni per risolvere problemi atavici quali quelli di Nisporto e Bagnaia ma anche agli arredi dell’asilo nido e tante altre piccole grandi cose fatte con un bilancio praticamente a zero, nonché alla chiarezza finanziaria che è stata evidenziata in maniera precisa senza se e senza ma. E con una amministrazione onesta e rigorosa per il bene della collettività e del Paese. Ma soprattutto al fatto di essermi dimesso per far capire che la riunificazione dei due Comuni era l’unica strada percorribile. Unico sindaco, di origini fiorentine anche se ormai da 25 anni inserito nel contesto elbano, ad essere riuscito in questo. Oggi quando giro per l’Elba da Portoferraio a Campo a Marciana a Capoliveri a Portoazzurro oltreche’ a Rio vengo fermato per strada, abbracciato, ringraziato per questo successo che molti credono non si debba interrompere ma andare avanti. Non ho una scelta , una, di cui dovermi pentire o vergognare. Ho inoltre, prima di diventare sindaco, ricercato e trovato insieme al gruppo Nocentini la risorsa termale su Cavo. Cio’ mi da facoltà di poter credere di avere dato moltissimo all’Elba ma di aver ricevuto ancora di più’! Avevo fin da subito capito che la piccola politica non sarebbe stata generosa con me dei successi ma io avevo scelto, permettetemelo, la storia ed il bene comune. E tutto questo è avvenuto in un tempo brevissimo. Oggi, data in cui mi accomiato dai cittadini Riesi in senso vero e ultimo, passando un testimone reale ( non me ne vogliano i Commissari succedutisi in questi sei mesi) sento un grande dolore da una parte perché so quanto ho sofferto ma dall’altra sono sereno della scelta. Nella vita bisogna fare passi indietro con senso di dignità e mi compiaccio con me stesso di esserci riuscito. Devo dire che ho molti più amici veri e stima di quando ho iniziato nonostante sfavorevoli vicissitudini. Il migliore augurio a Umberto Canovaro ma soprattutto un abbraccio a questo splendido territorio ed i suoi abitanti a cui auguro una sana politica di rispetto e di amore. Per questi ultimi due termini sarò ancora disponibile a dare il mio contributo. Per la piccola politica di potere non ho ne’ voglia né pazienza di applicarmi e credo che potrò contare sulla condivisione di molti, forse molti di più di quelli che si può immaginare".



Tag

Conte soccorre signora che cade per chiedergli un selfie

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità