Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:36 METEO:PORTOFERRAIO22°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiola, l'assurda esultanza al gol contro la Francia: spacca un computer davanti a una donna spaventata

Cultura giovedì 24 novembre 2016 ore 16:13

​Un drappo rosso contro la violenza sulle donne

Adonella Anselmi, assessore alle Pari Opportunità del Comune di Portoferraio, elenca le iniziative in vista della giornata di domani



PORTOFERRAIO — "L’ultimo è di quattro giorni fa, l’ennesimo femminicidio perpetrato 'per amore', ma sarebbe meglio chiamarlo folle possesso, da un marito, un fidanzato, un vicino, uno stalker. 

Sono tante, troppe, le vittime di quest’ anno maledetto, ben 116 donne che hanno perso la vita in nome di un 'amore', che invece non è altro che un sentimento malato e malvagio. Nel 2015 erano state 128, e quindi le fredde statistiche ci dicono che un lieve calo nel numero delle vittime c’è. 

Ma questa, diciamolo pure, è una vera e propria guerra, combattuta da uomini contro le loro mogli, compagne, figlie. Una tragica e terribile follia, un dramma che anno dopo anno si ripete ossessivo, senza tregua, senza fine. Di fronte a questa strage che dire? Che fare? 

Puntare su pene certe e pesanti, ovvio, ma soprattutto intervenire sull’informazione, l’educazione al rispetto, alla piena parità di diritti e doveri, al contrasto verso quei fattori educativi sbagliati che vedono l’uomo dominare la donna in nome della sua presunta superiorità e di un possesso che non esiste, e non deve esistere. 

Puntiamo a rafforzare i diritti delle donne, che devono imparare a non abbassare mai la guardia cedendo alle lusinghe di un amore malato. Denunce, autodifesa, autostima: queste le armi femminili per contrastare la violenza fisica e psicologica di tanti, troppi piccoli uomini che si sentono grandi dando uno schiaffo, una coltellata, usando benzina ed accendino. 

Istruzione, consapevolezza, educazione al rispetto, visibilità: questi i mezzi da usare per aiutare le donne, italiane e di tutto il mondo. 

La città di Portoferraio partecipa a questa campagna di sensibilizzazione e opposizione alla violenza sulle donne con varie manifestazioni in questo fine settimana. Domani 25 novembre, su idea di Anna Carla Pibia ed Angela Iannì, nelle vie cittadine saranno esposti, come installazioni, dei cartelli con messaggi e poesie dedicati a tutte le donne.

Sabato pomeriggio, alla sala Telemaco Signorini, a cura dell’Opificio LiberArti ci sarà una performance teatrale diretta da Emanuela Bonfiglioli. Stasera e domani sera, con matinèe per gli studenti delle scuole superiori, al teatro dei Vigilanti andrà in scena lo spettacolo Rossetto rosso…in segno di lutto di Roberto Rossi, con la compagnia teatrale del Centro Giovani di Portoferraio. 

Iniziative che certo non porranno fine, purtroppo, a questo terribile fenomeno, ma che faranno riflettere tutti su una piaga che può, e deve, essere debellata dalla nostra società. 

Si invita tutta la cittadinanza ad esporre fuori dalle finestre un velo, un drappo, una sciarpa rossa a testimonianza della solidarietà verso le donne vittime di violenza". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il fatto è accaduto nel pomeriggio nel territorio comunale di Portoferraio. La persona è stata trasferita con l'elisoccorso Pegaso
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità