Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:18 METEO:PORTOFERRAIO20°22°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 20 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi agli studenti: «Devo tanto a mia moglie, senza di lei chissà quante fesserie avrei fatto»

Cultura martedì 23 febbraio 2016 ore 08:30

Tassa di sbarco e progetti culturali

Nel suo blog Archeologia e Futuro, lo studioso Franco Cambi ipotizza alcune destinazioni per i proventi della tassa di sbarco



PORTOFERRAIO — Si è parlato molto finora, riguardo alla tassa di sbarco, di computo (politico o economico), si è immaginato qualche progetto comprensoriale (ma vago) e poco altro. 

Franco Cambi, noto archeologo elbano, nel suo ultimo post nel blog Archeologia e Futuro, lancia qualcosa che è più di una suggestione e che riempie di contenuti i progetti ai quali dedicare i molti euro che entreranno con il nuovo contributo di sbarco.

"Il Parco Archeologico Minerario di San Silvestro, a Campiglia Marittima, o il Parco Archeologico di Baratti, sono due fra i migliori esempi moderni - dice Cambi - essi non solo sono divenuti veri e propri pilastri dell’economia dell’area piombinese e della Val di Cornia ma anche casi di studio da parte dei più avveduti studiosi di turismo sostenibile di molte nazioni estere". 

Partendo da questo assunto Cambi precisa: "Cose fatte dall’uomo e cose naturali si intrecciano e si coniugano continuamente, con una serrata frequenza. La Toscana, con tutte le sue emergenze di diversa origine e significato, appare dunque sempre più come un ricchissimo bacino fatto di storie e di ambiente: un ricchissimo patrimonio territoriale, da tutelare, da valorizzare e da accrescere".

Venendo allo specifico l'archeologo propone alcuni progetti concreti che esulano dalla sfera ambientale stretta ma che comprendono anche la valorizzazione della storia elbana: "Ci sono progetti già pronti e disponibili per essere sostenuti: sulla rada di Portoferraio (Franco Cambi), sui paesaggi minerari dell’Elba orientale (Marco Benvenuti e Cinzia Battaglia), sui percorsi eco-culturali per trekking e mountain-bike (Laura Pagliantini), sugli archivi storici dell’Elba (Gloria Peria), sull’Elba occidentale (Lorella Alderighi), sul passato remoto di Pianosa (Luca Maria Foresi) e si potrebbe continuare per molto. Si tratta di attività fortemente attrattive dal punto di vista turistico, soprattutto per quanto riguarda la bassa stagione.

Aspetti naturalistici e aspetti culturali possono formare il piano di condivisione nel quale le tensioni si stemperano e i pezzi di un puzzle fino a questo momento ingovernabili possono trovare ciascuno la propria collocazione in armonia con tutti gli altri.

Su questo punto sarà facile trovare convergenze forti fra mondi diversi e solo apparentemente lontani: imprese (come quelle che afferiscono a Elba Taste), associazioni, scuole, università, semplici cittadini". 

"All’Elba c’è in questo momento una sete di conoscenza fortissima e una fortissima voglia di investire nel futuro, smettendo di guardare strabicamente al passato - conclude Cambi - alla fine è la politica che deve decidere e credo debba farlo: è un ottimo investimento a favore della comunità ed ha un sicuro ritorno, anche economico e di immagine".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto nella notte a Capoliveri. Un uomo e una donna sono stati trasferiti con l'elisoccorso fuori Elba
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Elezioni

Attualità

Attualità