Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 05 marzo 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La motovedetta libica fa una manovra violenta e i migranti cadono in acqua

Attualità giovedì 20 maggio 2021 ore 11:45

Sfalci e potature, come smaltirli correttamente

Vietato bruciare residui vegetali nelle aree interne al Parco nazionale. I carabinieri forestali fanno chiarezza sulle regole nelle isole toscane



PORTOFERRAIO — Nel corso delle ultime settimane ai Comandi dei carabinieri forestali dell’Isola d’Elba sono arrivate sempre più richieste di informazioni sulla possibilità di bruciare residui di potatura o di sfalcio. 

Perciò il Comando del Raggruppamento carabinieri Parchi Reparto Parco nazionale “Arcipelago Toscano” ha diffuso una nota per fare chiarezza sui corretti comportamenti da tenere all'Elba e nelle altre isole dell'Arcipelago.

"Anzitutto occorre chiarire un concetto fondamentale: - si legge nella nota - per chi abita nell’Arcipelago Toscano, in aree interne al perimetro del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, è proibito effettuare la combustione dei residui vegetali. Sempre. E’ quindi proibito l’uso del fuoco tutto l’anno. La violazione a questa norma ha carattere sia penale che amministrativo. Non deve essere usato il fuoco in alcun modo. Lo stesso dicasi quando è vigente lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi dichiarato dalla Regione Toscana (normalmente vigente dal 1 luglio al 31 agosto di ogni anno). In questo arco temporale è proibito procedere alla combustione dei residui vegetali sia all’interno che all’esterno del Parco Nazionale".

"Le due indicazioni normative appena citate - spiegano dal Reparto carabinieri forestali - hanno il fine di tutelare, rispettivamente, l’area protetta del Parco Nazionale e la tutela dei boschi dal rischio di incendi disastrosi in periodi di particolare siccità. Nel caso in cui il cittadino voglia procedere alla combustione dei residui vegetali in aree fuori dal perimetro del Parco e in assenza di stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi, questo può essere fatto solo qualora i residui vegetali provengano da attività agricolo-forestali e MAI da attività di giardinaggio. Inoltre i materiali vegetali agricolo-forestali non devono essere mescolati ad altre tipologie di materiali ed il fuoco può essere effettuato solo a condizione che: 

1) sia fatto entro 250 metri dal luogo di produzione; 

2) in piccoli cumuli non superiori a 3 metri cubi (steri) per ettaro al giorno; 

3) sia utilizzato uno spazio isolato da materiale infiammabile; 

4) il fuoco sia vigilato fino a completo spegnimento; 

5)vi sia assenza di vento e la colonna di fumo sia verticale".

"Conseguentemente - prosegue la nota - gli sfalci e le potature provenienti da attività diverse, ossia dai giardini, non si possono bruciare. Al fine di dare la soluzione alla gestione delle potature da giardino si ricorda che sull’isola d’Elba i rifiuti verdi prodotti dal privato cittadino possono essere conferiti dal cittadino stesso al Centro di raccolta comunale di ESA, per quantitativi contenuti e senza alcun costo".

"Discorso diverso - spiegano i carabinieri forestali - vale per chi, per motivi professionali, produce e/o trasporta questi sfalci e potature per conto terzi. Lo può fare solo se iscritto all’Albo dei Gestori Ambientali e deve avere il Formulario di identificazione Rifiuti. In caso contrario la normativa sui rifiuti prevede pesanti sanzioni amministrative e penali. Per essere ancora più chiari stiamo parlando dei giardinieri professionali che eseguono la potatura di alberi, la raccolta di foglie e sfalci e, in generale, ogni attività connessa al giardinaggio ed alla manutenzione delle aree verdi private. Quindi, nel caso di attività professionale la legge impone di considerare gli sfalci e le potature “rifiuti speciali” a cui attribuire il relativo codice Cer". 

I carabinieri forestali sottolineano inoltre che "sul territorio elbano sarà mantenuta alta l’attenzione sia sulla prevenzione dell’accensione fuochi sia sui trasportatori professionali di materiali classificati rifiuti in collaborazione con le altre Forze dell’Ordine".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Controlli intensificati dei carabinieri sulle strade elbane nel fine settimana per garantire la sicurezza e la legalità
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Attualità

Attualità