Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:PORTOFERRAIO11°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mustafa è in Italia, il bambino simbolo della guerra in Siria arrivato a Roma

Cronaca sabato 16 giugno 2018 ore 14:16

Risolto il mistero dei libri napoleonici mancanti

I libri ritrovati a villa Demidoff

Durante la digitalizzazione dei volumi di Villa dei Mulini fu denunciata scomparsa di 72 libri. I Carabinieri li hanno ritrovati a villa San Martino



PORTOFERRAIO — Era stata una ditta incaricata dal comune di Portoferraio ad eseguire nel 2014 la catalogazione elettronica dei volumi all’interno dei musei napoleonici elbani a far emergere l’ammanco di 72 volumi dattiloscritti di epoca napoleonica dagli scaffali della Villa dei Mulini. Partiva così la segnalazione del Comune alla Sopraintendenza per i Beni Architettonici e al Direttore del Museo Nazionale delle Residenze Napoleoniche elbane che informavano, a loro volta, la Procura di Livorno. Avevano quindi inizio le indagini dei Carabinieri del Nucleo Operativo di Portoferraio e del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Firenze che hanno permesso, nel tempo, di ricostruire dettagliatamente la vicenda e scoprire che in realtà, di tali opere, benché di notevole interesse culturale, se ne erano perse da tempo le tracce e non erano mai state oggetto di passaggio di consegna tra i vari responsabili. I militari del Nucleo Operativo decidevano così di effettuare un accurato sopralluogo presso tutti i locali dei musei napoleonici, senza trascurare quindi quello che in un primo momento poteva sembrare banale. La ricerca permetteva in effetti di rinvenire, nella galleria “Demidoff” della residenza estiva di San Martino, non accessibile al pubblico, ben 63 dei 72 volumi denunciati come scomparsi, confusi con una collezione donata al museo dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Livorno. Sebbene dunque pare si sia semplicemente trattato di un errore e quei volumi siano erroneamente finiti in una scatola sbagliata durante un trasloco risalente al 2013, i militare dell’Arma elbana sono stati particolarmente abili a ricostruirne i movimenti rinvenendo, e rimettendo al posto che merita, una parte importante del patrimonio lasciato all’Elba dall’Imperatore.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Questo il bilancio delle persone risultate positive al Covid-19 nelle ultime 24 ore. Sono 752 le persone attualmente positive in isolamento
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità