Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:00 METEO:PORTOFERRAIO21°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 02 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Sinner domina Isner e per la prima volta vola agli ottavi di Wimbledon

Attualità domenica 13 gennaio 2019 ore 08:00

Ripensiamo seriamente al comune unico

Foto di: I Love Elba!

Da un rappresentante elbano all'assemblea francese nell'ottocento a sette sindaci e nessun deputato dell'isola in parlamento all'inizio del duemila



PORTOFERRAIO — La presentazione a cura di Gloria Peria, a Mardilibri, del saggio “Quinze ans, di Isabella Zolfino ci suggerisce alcune riflessioni sulla situazione amministrativa dell’Elba. L’interessante volume tratta dei francesi sull’isola all’alba dell’ottocento. Risalta, in quel periodo storico, l’unione amministrativa dell’Elba e la nomina di un rappresentante elbano all’Assemblea legislativa francese che, per consentirne l’ingresso passò da 300 delegati a 301. 

Sarebbe come se oggi la Camera dei Deputati avesse un seggio riservato all’Isola d’Elba. Ipotesi piuttosto improbabile al momento. Dobbiamo invece fare un’altra valutazione dell’unione amministrativa, tutt’altro che anacronistica, anche se è ben noto l’esito del referendum sul Comune Unico che ha avuto come esito il rifiuto della semplificazione amministrativa. Infatti, nel tempo hanno continuato a manifestarsi i problemi e si è ricominciato a parlare prima di fusione tra comuni della stessa zona, poi i Comuni di Rio Marina e Rio nell’Elba hanno deciso di unirsi creando il comune di Rio. 

Nel mentre, le difficoltà amministrative dei piccoli comuni hanno continuato a crescere anche per la gestione corrente ed inoltre bisogna considerare la compensazione economica per i comuni che si uniscono che riequilibrerebbe, almeno parzialmente, il saldo tra i prelievi e l’arrivo delle risorse da parte dell’amministrazione centrale che penalizza i comuni elbani, senza ricorso a tassazione locale, già pesante. 

Alfiere di questo ritorno sulla questione, la Fondazione Elbana, che già ne fece cavallo di battaglia a suo tempo. “Ripensiamo seriamente al comune unico “ ha comunicato nell’estate 2018 annunciando anche l’intenzione di aprire un dibattito sociale e politico sul tema. Ma erano state le associazioni di categoria, compatte, i principali artefici del referendum, penalizzate da differenti regimi impositivi e burocratici a seconda del confine e tuttora convinte che gli evidenti limiti delle politiche comprensoriali, infrastrutture e progettazione, siano il principale ostacolo allo sviluppo stabile dell’Isola. 

Un’idea che non hanno mai abbandonato. A questo proposito sono chiare le intenzioni del presidente dell’associazione degli albergatori elbani, Massimo De Ferrari. “Il comune unico è l’unica soluzione per far fare un salto di qualità all’Isola d’Elba, magari predisponendo un progetto speciale che preveda agevolazioni per i cittadini”. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna ha contattato telefonicamente il marito che ha dato l'allarme per le ricerche. Sul posto anche un elicottero dei vigili del fuoco
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

DISSALATORE

Sport