Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:25 METEO:PORTOFERRAIO10°13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 19 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Politica mercoledì 07 settembre 2016 ore 14:40

"Quei finanziamenti disponibili solo nel 2018"

Ospitiamo l'intervento di Giambattista Fratini sui finanziamenti sbloccati dalla Regione per il miglioramento delle strutture sanitarie



PORTOFERRAIO — "Ieri mi è capitato di leggere un comunicato della Regione Toscana, relativo ad un finanziamento concesso dallo Stato per il miglioramento delle strutture e dei servizi sanitari. 

Dopo aver letto con piacere il titolo (Investimenti in sanità: in arrivo in Toscana 74 milioni di finanziamenti statali), man mano che sono andato avanti nella lettura il piacere provocato dalla bella notizia, è stato guastato dalla amarezza che mi ha procurato la conoscenza dei tempi che sono stati necessari per ottenere quel finanziamento e dei tempi che ancora dovranno passare perché la Regione possa mettere in cantiere tutti quegli interventi per i quali sono stati concessi quei 74 milioni). 

Ebbene, ho appreso che quei 74 milioni facevano parte di un finanziamento complessivo del Ministero della Salute di 203 milioni risalente addirittura al 2008. Per la bellezza di 5 anni quel finanziamento è rimasto inutilizzato. Poi, con un accordo tra la Regione e il Ministero, stipulato nel marzo del 2013, di quei 203 milioni ne sono stati sbloccati e resi disponibili solo 129. 

Passano altri 3 anni e il 27 luglio scorso, con la firma di un Protocollo d’intesa tra il Governo regionale e il Ministero, anche i 74 milioni vengono finalmente resi disponibili. Ma, attenzione, non è finita qui. Non basta la firma di un protocollo d’intesa. La Regione ora attende di essere chiamata dai funzionari ministeriali per la firma di un Accordo di programma che dovrebbe avvenire, ma non è proprio sicuro, entro questo mese di settembre. 

Andiamo avanti. Dopo la firma dell’accordo di programma la Regione ha tempo 18 mesi, vale a dire un anno e mezzo, per la presentazione delle domande di ammissione al finanziamento di ciascun intervento. Ricevute le domande, gli Uffici ministeriali entro 90 giorni (altri 3 mesi) devono emettere i decreti di autorizzazione alla spesa. 

E speriamo che quei decreti non abbiano bisogno del visto della Corte dei Conti. In questo caso passerebbero altri mesi, prima che il finanziamento possa essere effettivamente speso. Dopo l’emissione dei decreti, la Regione dovrà indire le gare per l’appalto dei lavori e per l’acquisto di arredi e attrezzature. 

Passerà, quindi, altro tempo prima che le opere siano realizzate e le forniture eseguite. Ora, ammettiamo pure: che la Regione, dopo la firma dell’accordo di programma, invii al Ministero le domande di ammissione al finanziamento senza far scorrere l’intero tempo assegnato di 18 mesi e il Ministero non aspetti tre mesi per tirar fuori i decreti, che, dunque, dalla firma dell’Accordo di programma, fissata per il corrente mese, i decreti possano essere licenziati non in 21, ma in 9/10 mesi, che la Regione impieghi un anno o poco più per indire le gare d’appalto dei lavori e delle forniture e per vedere le opere regolarmente ultimate e le forniture di arredi e attrezzature completamente eseguite.

Ammesso che tutto proceda come detto, alla fine della fiera quello stanziamento ministeriale di 74 milioni a favore della Regione Toscana, deciso dal Ministero della Salute nel 2008, produrrà i suoi effetti in termini di investimenti solo nel 2018. Dopo 10 anni". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I nuovi contagi sono stati individuati nei Comuni di Capoliveri, Portoferraio e Rio. In corso il tracciamento dei contatti da parte dell'Asl
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità