Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:35 METEO:PORTOFERRAIO20°34°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 26 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Incendi nell'Oristanese, fiamme alte e gente in strada a Porto Alabe: centinaia di evacuati

Attualità sabato 19 novembre 2016 ore 17:17

Passaggi nave, a ottobre crescita a due cifre

Un clima primaverile ha dato impulso alla coda della stagione turistica con più di 185mila passeggeri transitati tra Piombino e l'Elba



PORTOFERRAIO — Mentre nel resto d'Italia ci si preoccupava di indossare il costume di Halloween, all'Elba n c'era chi non aveva ancora riposto il costume da bagno.

Basterebbe questo forse a spiegare il grande aumento di passaggi nave sul canale di Piombino nel mese di ottobre, un aumento che, stando alle cifre diffuse dall'Autorità Portuale si attesta su un +16,42% rispetto al 2015 che, tradotto in quantità fa 26.191 passeggeri in più. 

E se pure l'ottobre dello scorso anno ha potuto contare su una domenica in meno (ma stesso numero di sabato), l'andamento positivo della stagione nel suo complesso è confermato dal +4,18% (con 2.866.645 passeggeri totali) nel periodo gennaio - ottobre 2016 rispetto all'anno precedente.

Il dato molto positivo dei passeggeri è rispecchiato da quello dei veicoli totali che registra un +14,86% (55.833 contro i 48.610 del 2015, un aumento di 7.223 veicoli) con la parte del leone esercitata dalle auto: 45.359 transitate sui traghetti, un aumento di 7.105 unità rispetto all'anno scorso (+18,57%).

Merita attenzione anche il numero dei mezzi turistici che hanno attraversato il canale: sono stati 3.224 quest'anno contro i 2.646 dell'anno precedente, un aumento addirittura del 21,84%.

In aumento anche le merci imbarcate e sbarcate dall'Elba (136.939 tonnellate, +6,07 %).

Al di là del mero dato numerico, e facendo una breve proiezione, entro fine anno si potrebbe arrivare a sfiorare (se non a superare) la fatidica quota dei 3 milioni di passeggeri transitati sui traghetti che servono l'isola. Ai quali vanno aggiunti coloro i quali sono giunti tramite imbarcazioni private e atterrate all'aeroporto.

Un carico entropico che l'Elba ha mostrato difficoltà a sopportare, soprattutto nei momenti di maggiore affollamento. Numeri che continueranno a crescere (al di là del valore della promozione, pubblica o privata, difficilmente quantificabile, le condizioni esterne non muteranno nel breve periodo) e che l'isola deve essere preparata a gestire.

In questi giorni si sta giocando una partita fondamentale ai tavoli istituzionali, allargati alle categorie economiche, sulla presidenza e sulle future politiche della GaT. Quale che sia il risultato, l'aumento del contributo di sbarco non è messo in discussione. 

Quello che invece pare scomparso dal tavolo è il capitolo sulle strutture e i servizi necessari per gestire quella massa di turisti che si vuole incrementare.

Chiunque assumerà il ruolo di capofila, e si troverà a gestire un'ingente quantità di denaro, dovrà avviare una riflessione in tal senso chiedendo a tutte le parti in causa lo stesso grado di impegno dimostrato nell'alzare il contributo di sbarco. 

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per evitare l'attesa due pazienti sono stati trasferiti contemporaneamente all'ospedale di Livorno con l'elisoccorso intorno alle 19,30
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca