QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 11°14° 
Domani 10°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 28 febbraio 2020

Attualità martedì 19 dicembre 2017 ore 14:30

Orti urbani di Albereto, al via il progetto

Laura Berti e Riccardo Nurra

Lunedì scorso è stata data la prima "palata" in un terreno di 4mila metri quardi di proprietà comunale. Laura Berti: "Nel bando spazio per i giovani"



PORTOFERRAIO — Alla presenza dell'assessore delegato alle politiche giovanili del Comune di Portoferraio Laura Berti e del consigliere delegato al verde pubblico Riccardo Nurra è stata data, nella mattinata di lunedì 18 dicembre, nel terreno di proprietà comunale sito in località Albereto, la prima "palata" del  progetto “Centomila orti in Toscana” che ha visto tra i  comuni che hanno ottenuto il finanziamento regionale per la realizzazione di nuovi orti urbani  anche Portoferraio. 

L’area individuata dal comune nel progetto sviluppato dall’architetto Nicola Ageno, si trova in località Albereto e ha una superficie di 4mila m². Lunedì 18 dicembre sono iniziati i lavori di tracciatura del terreno. Il costo complessivo è di 70mila euro, di cui 50 finanziati dalla Regione, più altri 20mila euro  previsti per opere complementari. Un’iniziativa nata  per la riqualificazione di aree verdi offrendo a giovani e adulti la possibilità di sperimentare l’amore per la terra, ma anche per creare nuovi spazi di socializzazione e aggregazione. Gli orti dovrebbero essere pronti per febbraio, marzo dopodiché il comune aprirà il bando per la gestione. Nel terrreno di proprietà comunale verranno tracciati spazi di 32 metri quadrati per ogni orto.

L'idea - ci ha raccontato l'assessore alle politiche giovanili Laura Berti - è nata in consiglio comunale da una  mozione della consigliere di minoranza Alessia Del Torto, a dimostrazione che la politica è anche confronto.  La Regione Toscana ha voluto dare una impronta giovanile al bando, per questo nel complesso sarà previsto uno spazio per l'aggregazione. Ci sarà  anche un piccolo fabbricato in legno. Il bando per l'assegnazione degli spazi e la disciplina delle iniziative - sottolinea ancora Laura Berti - andrà pensato nell' ottica di facilitare le intenzioni di scambio fra giovani e anziani, a livello di esperienza e di conoscenza. Pensiamo infatti di coinvolgere le scuole, almeno nelle fasi di progettazione, e di privilegiare l'impianto e la produzione di piante ed essenze autoctone, anche a livello di floricultura, per incentivarne la conoscenza da parte dei ragazzi". 



Tag

Coronavirus, Severgnini: «Io invitato in Rai, non mi hanno fatto entrare perché sono di Crema»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità