Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:14 METEO:PORTOFERRAIO18°32°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 01 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Boris Johnson si spaventa al saluto di Erdogan e gli sposta la mano

Attualità giovedì 09 settembre 2021 ore 18:00

Montecristo, conclusa la bonifica dei fondali

Rimossi i resti lasciati sui fondali dell'isola dopo l'affondamento del peschereccio "Bora Bora" e bonificata l'area da quasi 68mila chili di rifiuti



PORTOFERRAIO — È terminato il recupero dei resti sommersi del relitto del peschereccio “Bora Bora”, incagliatosi e affondato nel giugno del 2019 nelle acque protette davanti all’isola di Montecristo.

Lo si apprende dal Ministero della Transizione Ecologica attraverso una nota a firma dell'Ammiraglio Aurelio Caligiore, capo del Reparto ambientale marino delle Capitanerie di Porto.

Nelle tre fasi, in cui si sono articolate le operazioni (3-6 marzo – 26-27 marzo – 3-5 agosto 2021), è stata bonificata un’area marina ricompresa nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano sui cui fondali giacevano complessivamente circa 67.800 chili di rifiuti, come indicato in tabella:

I lavori sono stati condotti congiuntamente da tre Ditte: Sales Spa di Roma, che è intervenuta con i Motopontoni “Filippo” e “Massimo” ed ha proceduto a rimuovere dal fondale marino i resti del motopesca, oltre ad un considerevole numero di pneumatici che fungevano da parabordi a protezione dello scafo; Stmp (Servizi Tecnici Marittimi Portuali) Srl di Piombino, che ha svolto i lavori subacquei con squadre di tre sub, barca appoggio e, per la terza fase, rimorchiatore “Phalesia” con Grue in appoggio; Pim (Piombino Industrie Marittime) Srl di Piombino, che si è occupata del riciclo e smaltimento del materiale recuperato.

"Con il completamento delle operazioni è stato quindi pienamente restituito alla propria vocazione naturalistica il litorale dell’isola di Montecristo danneggiato dal naufragio del “Bora Bora”. - ha dichiarato l'Ammiraglio Caligiore, che ha coordinato gli interventi - L’operazione è stata possibile grazie al finanziamento privato dei seguenti imprenditori, qui riportati, meritevoli di particolare apprezzamento per la sensibilità ambientale dimostrata: Umberto Risso “Gruppo AGN Energia-Autogas Nord Spa”; Angelo Colussi “Colussi Group”; Paolo Ghinolfi “Sifà noleggio a lungo termine”; Andrea Rovini “Società Eurit Spa”; Leonardo Basilichi “società Evergreen Group”; Tiziano Nocerini “Conad-Nocentini Group”; Mario Lanera “Assoshipping Group-Ibla Ferries Srl”."

"La questione dei relitti affondati, semiaffondati e abbandonati nell’ambito dei porti e nelle immediate vicinanze, rappresenta un problema serio che richiede l’intervento del legislatore, - ha aggiunto  Caligiore  - per modificare l’istituto del recupero presente nel Codice della Navigazione (art. 507) e nel relativo Regolamento di esecuzione, istituto da ritenere oramai inadatto e impraticabile per poter rimuovere gli oltre 700 relitti insistenti e censiti nei porti e lungo le coste del paese."

"Infine è da porre in rilievo il contributo prestato dai Comandanti della Guardia Costiera di Portoferraio e Piombino, Capitano di Fregata Antonio Morana e Tenente di Vascello Valerio Chessari, e dai loro uomini e donne, nonché l’azione svolta dai militari del Reparto Ambientale Marino della Guardia Costiera presso il Ministero della Transizione Ecologica, che hanno concorso al buon esito del primo “esperimento” in Italia di recupero di un relitto con risorse rese disponibili da finanziatori privati", ha concluso Caligiore.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Pulizia fondali isola di Montecristo
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo è caduto in una zona impervia e non raggiungibile con i mezzi di soccorso via terra perciò è stato attivato l'elisoccorso
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cultura