Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 25 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia-Ucraina, secondo anniversario della guerra: la manifestazione dei parenti dei prigionieri di guerra a Kiev

Cultura venerdì 21 luglio 2017 ore 17:21

Il vino di Hermia, il cantiniere delle Grotte

Il vino Hermia e la Villa Romana delle Grotte

Presentato nella suggestiva location della Villa Romana il vino in anfora prodotto da Arrighi. I riferimenti storici



PORTOFERRAIO — Non è proprio lo stesso vino di 22 secoli fa, ma si farà sicuramente apprezzare per altri motivi.

Si chiama Hermia il vino prodotto in anfora da Antonio Arrighi, titolare della omonima azienda agricola di Porto Azzurro, ed il nome che gli è stato dato è quello di uno schiavo cantiniere della famiglia dei Valeri, proprietaria all'epoca della Villa Romana delle Grotte di Portoferraio. Il vino è stato presentato nel pomeriggio di giovedì 20 luglio proprio nella splendida cornice panoramica e storica della Villa Romana delle Grotte, alla presenza della amministrazione comunale di Portoferraio, della Fondazione Villa Romana delle Grotte che gestisce il sito archeologico, degli archeologi del gruppo Archeologia Diffusa e della associazione Italia Nostra.

Il vino prodotto da Arrighi oggi, nel XXI Secolo Dopo Cristo, è un viognier in purezza, "un vitigno non autoctono dell'isola d'Elba  - ha sottolineato Arrighi - ma con delle caratteristiche tali da valorizzare al massimo la mineralità dei terreni dell'isola e la sua straordinaria esposizione al sole. E pensare - ha aggiunto - che qualcuno ancora ci chiede se all'Elba produciamo vino, mentre questa è la dimostrazione che lo facciamo (e bene, ndr) da oltre due millenni".

Hermia, invece - come hanno raccontato ai numerosissimi presenti gli archeologi Franco Cambi e Laura Pagliantini - era probabilmente un famoso cantiniere dell'epoca tanto da avere un proprio marchio, ritrovato durante gli scavi di San Giovanni: il suo nome stilizzato, con accanto un delfino,  "un vero e proprio 'brand' di 21 secoli fa", ha chiosato nel suo racconto il professor Cambi. Il suo vino era diverso da quello di oggi: il fatto che siano stati ritrovati dei semi di mele negli scavi significa che probabilmente veniva fatto macerare con una procedura particolare ma sicuramente molto apprezzata all'epoca.

L'iniziativa di Antonio Arrighi, dunque, va a conferire ulteriore importanza a quella che il sito archeologico della Villa Romana e della zona di San Giovanni assumono sempre più grazie agli scavi archeologici,  che riprenderanno anche il  prossimo autunno. "Questo è divenuto un vero e proprio polo di attrazione storico e culturale - ha commentato il vicesindaco ed assessore alla cultura di Portoferraio Roberto Marini - Una cosa di cui deve essere orgogliosa e consapevole tutta l'isola".

"Il contenitore della Villa Romana si sta riempiendo in maniera mirabile  - ha aggiunto Cecilia Pacini, presidente della Fondazione e di Italia Nostra Arcipelago Toscano - la coerenza storica dell'iniziativa di Antonio Arrighi ci aiuta a ricreare l'aura quasi magica di questo luogo. Ora dobbiamo completare l'opera - ha concluso la Pacini - indirizzando gli sforzi pubblici e privati alla realizzazione del Cammin di Rada, un vero e proprio anello di congiunzione fra i gioielli storici, paesaggistici e culturali di Portoferraio".


© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno