Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:25 METEO:PORTOFERRAIO14°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 22 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
iPhone 13, recensione video

Attualità giovedì 08 luglio 2021 ore 17:30

Il governatore Giani in visita all'ospedale elbano

Il governatore Giani con alcuni sindaco elbani, la direttrice Asl Casani, il direttore dell'ospedale Genghi e il direttore Asl Elba Chetoni

Giani, accompagnato dal direttore Asl Toscana nord ovest Casani, ha incontrato prima i sindaci elbani, poi è stato in visita all'ospedale



PORTOFERRAIO — Questa mattina il governatore della Regione Toscana Eugenio Giani, accompagnato dal direttore generale della Asl Toscana nord ovest, Maria Letizia Casani, prima ha incontrato i sindaci elbani e poi  ha salutato gli operatori sanitari ed ha visitato l’ospedale di Portoferraio.

Lo ha reso noto l'Asl Toscana nord ovest, sottolineando il positivo il clima di collaborazione tra la Regione, Asl e i primi cittadini elbani.

Come spiega l'Asl in una nota, di recente l’ospedale civico ha visto un potenziamento delle strutture di pronto soccorso e l'installazione della camera iperbarica. Oggi il nuovo Pronto soccorso è un'unica struttura di 950 metri quadri contro i 250 del precedente, provvista di attrezzature, arredi, apparecchiature cliniche al top di gamma in Italia ed è presente anche un’area di isolamento dotata di zona filtro, bagno dedicato e pressione negativa, adatta a pazienti portatori di patologie infettive. Inoltre, è stata introdotta un’area di osservazione breve che allinea l'ospedale di Portoferraio a tutti gli altri ospedali dell'Asl Toscana nord ovest. L’investimento, finanziato dalla Regione Toscana, è stato di circa un milione e 200 mila euro.

L'azienda sanitaria inoltre sottolinea come l’installazione della camera iperbarica è un risultato importante per l’intero territorio della Asl, fin dall'inizio ha svolto attività di urgenza per subacquei con malattia da decompressione e pazienti con intossicazione da monossido di carbonio. Quella attuale è adatta ad introdurre pazienti barellati e ad eseguire trattamenti in elezione multi paziente, è a 6 posti + 1 operatore, pesa 12 tonnellate ed ha un costo di 450.000,00 euro.

Anche dal punto di vista dell’assistenza, con la nomina dei primari di medicina e chirurgia, è stato compiuto un notevole passo in avanti. E’ di pochi giorni fa la notizia dell’effettuazione di un intervento chirurgico maggiore grazie al lavoro di un team di professionisti preparati che ha permesso che il paziente fosse operato a Portoferraio senza dover essere trasferito sul continente.

Sul fronte del personale, Maria Letizia Casani, ha confermato che sono in corso le assunzioni di circa 35 unità che verranno attinte dalla graduatoria pubblicata a metà di giugno che al suo interno contiene un’ulteriore lista destinata alle zone carenti, composta da coloro che hanno dato la loro disponibilità a ricoprire posti nelle zone disagiate. Ciò permetterà di dare corso alla mobilità, adeguare e potenziare l’organico.

Per la direzione ospedaliera, era presente Luigi Genghi e per rappresentare la zona distretto, Fabio Chetoni.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Contagi raddoppiati nell'ultima settimana. Il punto dell'Asl anche sui tamponi effettuati e sulle vaccinazioni contro il Coronavirus
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità