Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:20 METEO:PORTOFERRAIO12°14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 06 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, l'annuncio ufficiale: «Dopo due Festival così, non ci sarà un Ama-ter»

Attualità giovedì 17 novembre 2016 ore 19:58

GaT e albergatori, pace sulla tassa di sbarco

Incontro dei sindaci con le categorie economiche, scongiurato il passaggio all'imposta di soggiorno ma si apre il nodo presidenza



PORTOFERRAIO — Scoppia la pace fra albergatori e Gestione Associata del Turismo. E' servito a riannodare i fili di una collaborazione necessaria l'incontro che si è tenuto questo pomeriggio fra i sindaci dell'isola con le categorie economiche ospitato proprio dall'associazione albergatori nella sede sociale.

Due ore circa di confronto serrato, servite soprattutto a scongiurare la fine dell'esperienza della GaT così come la conosciamo, ipotesi che era finita sul tavolo istituzionale dopo l'annuncio delle dimissioni di Ruggero Barbetti, e del Comune di Capoliveri, da capofila del consesso turistico.

Dimissioni ribadite e confermate anche in questa occasione, nonostante siano stati in molti quelli al tavolo che hanno chiesto al primo cittadino un passo indietro.

"Abbiamo deciso di portare avanti la GaT - commenta Andrea Ciumei, scelto portavoce al termine della riunione - con alcuni aggiustamenti sugli investimenti che verranno fatti ma mantenendo gli impegni sul territorio che avevamo preso".

Viene quindi confermato anche l'aumento del contributo a 3,50 euro ma, accogliendo le istanze degli albergatori, con una diversa modulazione durante l'anno: "Abbiamo ascoltato le categorie economiche e le loro richieste, albergatori per primi - continua Ciumei - abbiamo deciso di lavorare insieme per il bene dell'Elba. 

E' emerso come non ci sia possibilità di uscire da questo meccanismo se vogliamo continuare a crescere ed è stato chiaro che ci deve essere un maggiore confronto con il territorio.

Riguardo alla modulazione del contributo di sbarco - conclude Ciumei - lo sforzo fatto dall'Ancim di dare un'interpretazione comune ai diversi regolamenti adottati dalle diverse isole verrà tenuto in considerazione, è una linea guida preziosa ma rimane l'autonomia concessa a ogni territorio come il nostro".

Soddisfatto anche il padrone di casa, Massimo De Ferrari: "Eravamo preoccupati dopo l'annuncio di Barbetti - commenta - temevamo che le nostre critiche venissero male interpretate. Il nostro voleva essere un contributo costruttivo e si riferivano soprattutto al livello di comunicazione con le associazioni, non sull'esperienza della GaT che giudichiamo positiva".

Trovato l'accordo per escludere la tassa di soggiorno, rimane il contributo di sbarco: "Abbiamo trovato una sintesi per escludere i mesi di bassa stagione dall'aumento massimo destinando un maggiore contributo a aeroporto e progetti comuni come il canile".

Una maggiore attenzione verrà data alla promozione che riceverà un aumento di risorse intorno ai 700-800mila euro. Rimane il nodo presidenza: "Una delle ipotesi sul tavolo - rivela De Ferrari - è quella di spostare la questione a dopo le elezioni che interessano tre amministrazioni".

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità