Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:20 METEO:PORTOFERRAIO16°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 16 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sale su una piattaforma proibita per scattare un selfie e precipita nel vuoto: morta un’influencer russa

Attualità sabato 15 aprile 2023 ore 16:01

Comunità energetiche, si allarga l'interesse

Anche Portoferraio (e l’Elba) vuole la Comunità energetica rinnovabile. Forte interesse dell’Associazione Albergatori



PORTOFERRAIO — Il 14 Aprile, la grande e risuonante Sala Parrocchiale di San Giuseppe alla Sghinghetta, a Portoferraio, era affollata per l’iniziativa “Cos’è, Come funziona una Comunità energetica rinnovabile” organizzata da Legambiente Arcipelago Toscano e Circolo Laudato Si’ Elba.

A introdurre la discussione è stato Nunzio Marotti, animatore Laudato Si' e referente del Circolo elbano, che ha ricordato l’impegno di Papa Francesco e della Chiesa Cattolica che hanno sollecitato le Parrocchie a creare Comunità energetiche rinnovabili solidali in ogni parrocchia e di come in questo cammino comune Laudato Si’ e Legambiente si siano incontrati per costituire CER all’Isola d’Elba insieme a tutti gli uomini e le donne di buona volontà e che hanno a cuore il Creato.


Poi Katiuscia Eroe, responsabile nazionale energia di Legambiente, ha spiegato cosa sono le comunità energetiche, le vicessitudini politiche e burocratiche che finora ne hanno impedito il pieno dispiegamento, i diversi modi di formarle, organizzarle e gestirle e le prospettive future che dovrebbero portare le CER a fornire la metà dell’energia elettrica italiana e a diminuire il peso su una rete di distribuzione che dovrà accompagnare il passaggio dell’Italia dalle energie fossili – gas e petrolio – a quelle rinnovabili: fotovoltaico, eolico, idroelettrico, energie del mare, ecc.


Un iter che a prima vista può sembrare complicato – e che andrà confrontato con la recente legge Regionale sulle CER e con i decreti del governo in via di emanazione per attuare la Direttiva europea – ma che dopo la costituzione di una CER procederà quasi in automatico. La Eroe ha anche evidenziato l’aspetto sociale delle CER che puntano a mettere insieme, produttori, consumatori, imprese, istituzioni e famiglie in povertà energetica.


Molte e puntuali le domande alla responsabile nazionale energia di Legambiente che ha cercato di chiarire dubbi e richieste in un momento che è ancora di passaggio normativo. In particolare, i cittadini hanno chiesto come funzionano le diverse opzioni per costituire le CER e a che punto siano le Amministrazioni Comunali elbane rispetto a questa opportunità che si presenta.


L’intervento della ingegnere energetico Laura Napolitano ha illustrato come si sta procedendo con la costituzione della Comunità energetica rinnovabile di Marciana Marina - che fa parte del progetto nazionale BeCome destinato a un gruppo di Comuni dei Borghi più belli d’Italia e dei Borghi autentici – e come il Comune marinese stia collaborando con Legambiente, AzzeroCO2 e Kyoto Club, alla realizzazione della CER che vedrà la sua prossima tappa costitutiva il 29 aprile alle 17,30 alla Sala congressuale di Via Vadi.


Anche dalla riunione portoferraiese è emersa la necessità che la prossima riunione su questo tema si trasformi in un’assemblea costitutiva della CER di Portoferraio. E, come ha evidenziato Renato De Michieli Vitturi, è proprio l’esempio di Marciana Marina che vuole seguire il gruppo di cittadini portoferraiesi che ha sollecitato – insieme a Legambiente e Laudato Si’ – l’amministrazione comunale a farsi promotrice e facilitatrice di una CER anche a Portoferraio. Una sollecitazione che è stata raccolta dal Consigliere Comunale Giuseppe Massimo Battaglini che si è detto disposto a portare all’attenzione della giunta Zini le richieste e sollecitazioni dei cittadini e delle associazioni.


Molto importante anche l’intervento di Claudio della Lucia per l’Associazione Albergatori che ha manifestato il forte interesse della più importante categoria economica elbana per le Comunità energetiche rinnovabili e ha fatto presente quanto è quale potrebbe essere il contributo di grandi infrastrutture che consumano molta energia durante l’estate – quando la resa del fotovoltaico è al massimo – e pochissima durante la stagione autunnale e invernale, quando comunque all’Elba le giornate produttive e soleggiate sono moltissime. Gli albergatori sembrano puntare a una comunità isolana ampia che – se non si vogliono perdere i finanziamenti disponibili – dovrà essere una “eccezione” rispetto alle normative finora previste per le Isola minori e per i piccoli comuni. Un progetto del quale Associazione Albergatori e Legambiente discuteranno nei prossimi giorni per arrivare a una proposta che coinvolga più soggetti possibile.


"Un’iniziativa bella e che ha prodotto collaborazione, incontro ed idee – conclude la presidente di Legambiente Arcipelago Toscano Maria Frangioni – ma che ha anche posto tutta una serie di problematiche ancora da affrontare e lentezze burocratiche e politiche da risolvere. Una bella, partecipata e interessante iniziativa, riuscita anche alla cortese e sollecita disponibilità della Parrocchia di San Giuseppe e del suo parroco e all’impegno degli amici di Laudato SI’ che ringraziamo di cuore".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Questa mattina i carabinieri hanno posto i sigilli ad una attività di vendita di materiale per edilizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Imprese & Professioni

Attualità

Sport

Attualità