Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:45 METEO:PORTOFERRAIO17°19°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 19 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Attualità venerdì 28 luglio 2023 ore 12:49

Tagli selvaggi del verde, domande di Legambiente

L'associazione ambientalista ricorda quali regole andrebbero seguite per le operazioni di taglio e chiede spiegazioni



PORTOFERRAIO — "Diversi cittadini e turisti hanno segnalato a Legambiente Arcipelago Toscano una selvaggia capitozzatura effettuata, sembra il 26 luglio, a Portoferraio su un esemplare di fitolacca esterno al parco delle Ghiaie (altri 2 esemplari si trovano all’interno)".

Lo fa sapere attraverso una nota Legambiente Arcipelago Toscano che con l'occasione chiede "al Sindaco Zini e all’Assessore delegato al Verde Pubblico Lupi: se l’operazione fosse programmata e i cittadini ne fossero stati informati. In base a quali perizie tecniche sia stato deciso l’intervento; se l’intervento sia stato effettuato da Personale dipendente del Comune o da azienda terza. In questo caso di quali titoli di competenza la stessa azienda sia dotata. Se negli anni precedenti sia mai stata effettuata la necessaria cura e manutenzione della pianta capitozzata".

"Ricordiamo allo stesso Sindaco Zini, - prosegue Legambienten- presente al Convegno sul Verde Urbano organizzato da Legambiente Arcipelago Toscano e tenuto a Portoferraio nel 2021 con gli interventi di autorevolissimi esperti quali i professori Giacomo Lorenzini, UNIPI, Ordinario di Patologia Vegetale, Francesco Ferrini, UNIFI, Ordinario di Arboricoltura, Alessandro Petri, docente all'Iastituto Cerboni, il Comandante Reparto Carabinieri PNAT Ten. Col. Stefano Cipriani e Marco Rinaldi, arboricoltore di rilevanza europea oltre all’Architetto Paesaggista Fausto Ferruzza, Presidente di Legambiente Toscana che nel corso dello stesso Convegno la pratica della capitozzatura fu definita esiziale sia per la salute delle piante sia per la sicurezza e solidità dei rami che, nel caso l’albero sopravviva, ricrescono successivamente. Il Sindaco si era allora impegnato a procedere alla formazione del personale impiegato nella cura del patrimonio arboreo comunale e della qualificazione delle imprese terze impiegate allo stesso scopo".

"Dalle stesse “Linee Guida per la gestione del Verde Urbano” edito nel 2017 dal Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare si evince che: - aggiunge il Cigno Verde - “la capitozzatura che consiste, come è noto, nel drastico raccorciamento del tronco o delle branche primarie (sbrancatura) fino in prossimità di questo. Tale operazione è una delle principali cause delle cattive condizioni in cui versano molti alberi ornamentali. Il tronco capitozzato viene, infatti, lasciato dal taglio senza difese e così i tessuti, anche nelle specie con buona capacità di compartimentalizzazione, iniziano a morire dalla superficie del taglio stesso verso l’interno. La corteccia, inoltre, viene improvvisamente esposta ai raggi solari, con un eccessivo riscaldamento dei vasi floematici più superficiali, che sono danneggiati. La capitozzatura è, perciò, un’operazione che deve essere evitata ogni volta che sia possibile. Nel caso in cui non esistono alternative, si dovrà operare in modo da ridurre al massimo i danni per la pianta. Si crede erroneamente che un albero capitozzato richieda interventi minori: in realtà è l’opposto. Se l’albero sopravvive richiederà costanti potature per diversi anni; se l’albero muore dovrà essere abbattuto e rimosso. Infine, considerato che un albero capitozzato è predisposto a rotture e può essere pericoloso, e che quindi la capitozzatura è riconosciuta come una pratica inaccettabile di potatura, ogni danno causato dalla caduta dei rami può essere riconosciuta come negligenza presso un tribunale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È stato riaperto al pubblico il teatro "napoleonico" dedicato al tenore elbano Renato Cioni. Ecco gli interventi realizzati e la sua storia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità