Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:44 METEO:PORTOFERRAIO18°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecco i cani robot cinesi progettati per uccidere, il video sembra un film di fantascienza

Cultura giovedì 30 marzo 2023 ore 11:05

Antiche scoperte e nascita di Cosmopoli

È stata pubblicata online una ricerca a cura di Ilaria Monti, Fabrizio Paolucci e Michelangelo Zecchini sui ritrovamenti del 1500



PORTOFERRAIO — Qualche mese fa Ilaria Monti e Michelangelo Zecchini hanno pubblicato online una ricerca su Palmaiola che ha dato un notevole contributo alla conoscenza della storia dell’isola.

Oggi ai due studiosi si aggiunge un altro noto archeologo, Fabrizio Paolucci, direttore del dipartimento di Antichità Classica presso la Galleria degli Uffizi, per approfondire un argomento di non minore interesse ancora basato su documenti di archivio, in gran parte inediti, datati fra il 1548 e il 1555. 

Oggetto di studio questa volta sono le scoperte effettuate durante gli scavi e i movimenti di terra ordinati da Cosimo dei Medici nei due colli di Portoferraio, dal mare alle zone più elevate, propedeutici alla costruzione di quella che poi fu chiamata Cosmopoli, la città/fortezza ideale.

Gli autori illustrano attraverso 145 documenti alcune curiosità su ciò che interessava al Duca e molte notizie precise sul procedere dei lavori (esempi: data di inizio e di fine dei lavori alla torre della Linguella; inizio della edificazione della chiesetta, che poi diventerà il duomo, e sua consacrazione da parte di un vescovo). 

Ma essi si soffermano soprattutto sul ritrovamento eccezionale di due teste marmoree di donna e una di uomo (divinità o personaggi divinizzati?) di dimensioni maggiori del vero, poi spedite a Firenze con tutte le cure del caso. Lì vengono registrate come reperti provenienti dall’Elba. 

Un’altra scoperta di rilievo avviene nel sottosuolo di Piazza Padella, dove gli operai si imbattono in una testa di marmo riferibile a un satiro “giovinetto di 12 anni in circa”. Anche la testa del piccolo fauno viene spedita a Cosimo, che la riceve nel marzo 1555.

Questo e molto altro viene descritto nel corposo studio scientifico, che è possibile leggere o scaricare a questo link.


Ora gli autori fanno sapere che la ricerca continua con la speranza di individuare con certezza le suddette sculture archeologiche nelle collezioni fiorentine.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un giovane è stato soccorso dai volontari della Pubblica Assistenza su un sentiero impervio e poi trasferito in elisoccorso fuori Elba
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni

Cronaca

Cronaca

Elezioni