Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:30 METEO:PORTOFERRAIO19°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 13 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una rissa in Parlamento e tre possibili referendum. I rischi del conflitto sulle riforme

Attualità martedì 31 gennaio 2017 ore 10:11

Dal sindacato riprende vigore la polemica Aethalia

Arturo Francini, lavoratore portuale in pensione ed ex responsabile Filt Cgil, rinnova la polemica sul cambio nome al traghetto



PORTOFERRAIO — "Alla fine l’armatore Onorato ha ignorato le petizioni, le proteste, i manifesti che gli elbani hanno sentito di dover utilizzare nel tentativo di impedire che venisse tolto il nome Aethalia al traghetto della compagnia Toremar".

Una polemica, quella sul traghetto della Toremar ora intitolato all'ex sindacalista ed ex presidente della compagnia pubblica, Stenlio Montomoli, che pareva sopita ma che, proprio dal sindacato viene rinfocolata. 

E' infatti Arturo Francini, lavoratore portuale in pensione ed ex responsabile Filt Cgil che torna sull'argomento: "La nostra Aethalia resta col suo nuovo nome, almeno per adesso. Credo sia indispensabile sottolineare che questa vicenda non può essere liquidata come irrilevante o frutto di pura nostalgia. 

L’Aethalia, il suo arrivo nel 1956 rappresentò per gli isolani un vero e proprio cambiamento verso la modernità del trasporto pubblico, la prima nave con il caricamento a poppa e a prua, una design moderno e uno standard alto di ospitalità a bordo. Niente a che vedere con le pur gloriose navi del passato. 

In tal modo vedemmo confermato e rilanciato un nostro intangibile diritto, quello alla mobilità garantita da un servizio pubblico, dello Stato e quindi nostro. Un diritto e non una concessione, appunto, cosa ben diversa. Oggi voler mantenere quel nome vuol dire confermare certi principi e non semplicemente rimpiangere i tempi che furono. Perché allora togliere all’Aethalia, seconda generazione, questo bel nome? 

Credo proprio che si sia trattato in primo luogo di uno schiaffo a quei valori che dicevo e all’idea stessa che sia indispensabile per noi isolani un vero servizio pubblico di navigazione. In tal modo il privato monopolista (per concessione politica della Regione Toscana) cancella il passato, ogni traccia anche simbolica di quel modo di intendere il nostro diritto alla mobilità. E per dimostrare che il padrone è sempre il padrone e fa sempre ciò che vuole.

Ma nella scelta fatta del nuovo nome c’è qualcosa di più. Si richiamano meriti riguardo ad innovazioni e ammodernamenti delle infrastrutture che non sono certo di una persona ma frutto di un percorso iniziato e pensato molto tempo fa, ben prima dell’avvento delle Autorità Portuali. Furono gli elbani, la nostra collettività, i lavoratori e le professionalità del mondo portuale a pensare quello che oggi vediamo realizzato. Insieme ad una parte della classe politica di un tempo, ben più sensibile di quella attuale alle necessità del porto e della navigazione locale". 

Francini dedica un pensiero proprio all'ex collega Montomoli: "Per la verità non capita spesso neppure che i padroni portino in certi ruoli elevati e di natura non tecnica come una presidenza soggetti che prima rappresentavano per loro (o avrebbero dovuto rappresentare) veri e propri avversari come rappresentanti dei lavoratori. 

E quando questo avviene, permettetemi di pensare che qualche sospetto sia lecito. Ed infatti la strada intrapresa mi viene il dubbio che sia più mirata ad esaltare la capacità dell’imprenditore-armatore nel condizionare la politica e gli assetti di potere locali piuttosto che a mettere in risalto l’ex-sindacalista".

"Per tutto questo - conclude Francini - sarebbe opportuno che il dibattito sulla vicenda Aethalia riprendesse vigore magari con la partecipazioni dei soggetti pubblici e privati che dovrebbero dimostrare di avere più cura dei sentimenti e degli interessi degli elbani . Ad iniziare proprio dai sindaci e da quel sindacato che forse non ha capito che anche questa mossa del “padrone” era ostile nei suoi confronti". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Maltempo previsto per la giornata di domani con l'emittente di un bollettino di vigilanza meteo con codice giallo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità