Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:52 METEO:PORTOFERRAIO14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 14 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità mercoledì 17 febbraio 2021 ore 15:00

Alunni e insegnanti colpiti dal Covid, ecco i dati

Scuola dell'infanzia in zona Carpani (Portoferraio)

La dirigente dell'Istituto comprensivo "Sandro Pertini" di Portoferraio spiega le motivazioni che hanno portato alla chiusura dei due plessi



PORTOFERRAIO — Dopo la chiusura dei plessi scolastici della scuola dell'infanzia di Carpani e della scuola media "Pascoli", la dirigente dell'Istituto comprensivo "Sandro Pertini" di Portoferraio ha diffuso una nota in cui spiega quali sono le ragioni che hanno portato alla chiusura e allo screening volontario.

"Con questo comunicato - spiega la dirigente scolastica Daniela Pieruccini - intendo informare tutta la comunità dell’IC “Sandro Pertini” sulla situazione epidemiologica e sull’evoluzione che ha indotto il Dipartimento di Prevenzione dell’Asl di Portoferraio e il sindaco a interdire le attività didattiche in due plessi, scuola dell’infanzia di “Carpani” e scuola secondaria “Pascoli”, fino al 27 Febbraio 2021. Per gli alunni e i docenti risultati positivi (rispettivamente cinque e quattro) al plesso di Carpani è già stata svolta l’attività di tracciamento e l’Asl ha provveduto a sottoporre ai controlli dovuti i contatti stretti dei casi positivi". 

"Nella scuola “Pascoli”, - prosegue la dirigente scolastica - dove si sono registrati tre casi positivi tra gli alunni di una classe e tre casi tra i collaboratori scolastici, il contact tracing è ancora in corso e alcune persone saranno sottoposte ad accertamenti nei prossimi giorni. Per la scuola secondaria l’Asl ha anche predisposto uno screening a cui tutti gli alunni, i docenti e il personale Ata può aderire entro il 19 Febbraio con le modalità spiegate nella circolare n.133 pubblicata sul Sito Web". 

"Nel frattempo, - spiega la preside - le autorità preposte hanno provveduto a sanificare l’edificio che ospita la scuola secondaria e nei prossimi giorni lo sarà anche la scuola dell’infanzia “Carpani”. Negli altri plessi le lezioni sono riprese regolarmente da oggi in quanto non si registra alcuna situazione di rischio. Nel caso in cui le scuole primarie e dell’infanzia siano frequentate da familiari degli alunni risultati positivi, l’Asl ha provveduto a porli in isolamento fiduciario o in quarantena e quindi non sono presenti a scuola fino alla conclusione delle misure prescritte. Per loro, i Docenti attiveranno la Didattica Digitale Integrata come previsto dal nostro Piano, pubblicato sul Sito e attivato in occasione di questo tipo di emergenze. Il numero dei casi positivi rispetto al numero della popolazione della nostra comunità scolastica ci conferma la validità dei protocolli e delle precauzioni adottati dalla scuola e costantemente monitorati. Efficace e tempestiva è sempre stata la collaborazione con le istituzioni del territorio, in primis con il dipartimento di Prevenzione e con l’Amministrazione comunale". 

"Inoltre, tutto il personale scolastico, me inclusa, ha aderito a tutte le campagne di screening promosse dalla Regione Toscana che hanno consentito fin da Settembre (in occasione del primo test sierologico) di monitorare lo stato dell’arte e molti ad oggi hanno già effettuato il vaccino. - prosegue la dirigente scolastica - Continuo è stato anche il dialogo con le famiglie che spesso, a me e ai docenti, hanno espresso i loro timori sulla situazione epidemiologica e talvolta anche i loro suggerimenti e le loro critiche, anch’esse preziose per valutare la situazione da ogni angolatura. Con il contributo e la collaborazione di tutti siamo riusciti a ridurre al minimo la chiusura dei plessi e a garantire le lezioni in presenza in massima sicurezza".

"Auspico che alle attenzioni e alle precauzioni adottate da alunni, docenti e personale Ata nelle attività scolastiche corrispondano al di fuori della scuola comportamenti responsabili da parte di tutti, perché tutta la comunità scolastica deve sentire forte il senso dell’impegno personale e l’importanza di evitare ogni situazione di potenziale rischio di contagio per prevenire il diffondersi del contagio. - conclude la dirigente - Ognuno di noi è chiamato a fare la propria parte con responsabilità, senso civico e amore per se stessi, per i propri cari e per la nostra comunità".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il traffico di sostanze stupefacenti è stato individuato dai carabinieri grazie all'intercettazione di un pacco postale contenente marijuana
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

CORONAVIRUS

Cultura

Cultura