Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:29 METEO:PORTOFERRAIO14°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 25 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
«Viva la libertà, dannazione!»: Milei abbraccia Trump

Attualità lunedì 23 gennaio 2017 ore 11:36

Consorzio di Bonifica, come cambia il contributo

Con la modifica del Piano di Classifica cambia il contributo da versare al Consorzio di Bonifica: "Il gettito per l'ente rimane inalterato"



PORTOFERRAIO — Il Consorzio di Bonifica 5 Toscana Costa si è costituito a seguito del riordino e della razionalizzazione imposta ai Consorzi di Bonifica Toscani che ha individuato 6 grandi enti con il compito di effettuare la manutenzione dei corsi d'acqua e la progettazione e realizzazione delle opere finalizzate alla riduzione del rischio idraulico. 

La riforma della Regione Toscana, però, non ha interessato soltanto la struttura degli enti, ma ha omogeneizzato anche i criteri e le linee di indirizzo su atti importanti di pianificazione e programmazione.

A tal proposito Il Consorzio 5 Toscana Costa ha avviato un percorso nella ridefinizione del nuovo Piano di Classifica, strumento per determinare il riparto delle spese sui contribuenti, avvalendosi anche della collaborazione della Scuola Sant'Anna e dell'Università di Pisa, sulla base delle linee guida regionali e di fatto consegnando un nuovo tributo per i 42 Comuni che compongono il Comprensorio.

Il nuovo tributo consortile per l'annualità 2016 arriverà presso le abitazioni intorno alla metà del mese di febbraio: "Non aumenta il gettito del Consorzio - sottolinea il Presidente Giancarlo Vallesi - ma si ripartisce in modo diverso l'imposta, in relazione agli specifici e diretti benefici per il singolo contribuente".

Il tributo è il risultato di un calcolo tutto nuovo che si basa su concetti e criteri del tutto diversi rispetto ai precedenti: si introduce il concetto di centro di costo e si divide il comprensorio in 3 Unità Idrografiche Omogenee: Costa Livornese e Val di Cecina, Val di Cornia e Pecora, Elba e Arcipelago.

Si modifica completamente la modalità del calcolo, si prende atto delle disposizioni regionali per la redazione del Piano delle Attività che ne amplia compiti e competenze, si prende atto di un comprensorio decisamente più ampio, variegato e complesso che richiede quindi una quantità di interventi di gran lunga superiori a quelli sino ad oggi messi in campo.

Per tutte queste ragioni: "Ciascun consorziato potrà vedere nel tributo 2016 alcune differenze rispetto al tributo dell'anno precedente, in alcuni casi una diminuzione, in altri un aumento. 

Ci saranno, inoltre, dei consorziati che per effetto dei precedenti piani di classifica erano esclusi dal versare il contributo consortile, ma che dal 2016 dovranno anch'essi contribuire alla sicurezza idraulica del territorio, questo con l'obiettivo di omogeneizzare e distribuire il costo degli interventi, proporzionalmente al beneficio diretto derivante dall'attività svolta dal Consorzio".

Si ricorda che il tributo è deducibile dalla dichiarazione dei redditi. 

Per ulteriori informazioni e approfondimenti è possibile consultare tutta la documentazione disponibile sul sito internet dell'Ente alla sezione contributo. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno