Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Un branco di 30 lupi entra in teatro, corre tra gli spettatori e assale gli attori: ma sono animali addestrati

Politica venerdì 01 settembre 2017 ore 17:11

"Avevate alloggi da assegnare e li avete venduti"

Giovanni Fratini, ex sindaco di Portoferraio

L'ex sindaco Fratini commenta la decisione dell'assessore Bertucci di rimettere la delega allo sport: "Il comune poteva fare di più"



PORTOFERRAIO — Una lettera aperta per commentare la rinuncia alla delega dello sport da parte dell'assessore Adalberto Bertucci, ma anche per ricordare come (a suo avviso) l'amministrazione comunale abbia gestito male il proprio patrimonio immobiliare. A scriverla è l'ex sindaco di Portoferraio, Giovanni Fratini. 

"Caro Assessore Bertucci - ci scrive Fratini - ho letto che hai deciso di rinunciare alla delega per lo sport, indubbiamente impegnativa perché riguarda un delicato ed importante settore della vita sociale.

Hai motivato la tua decisione con la necessità che hai di curare meglio i problemi del traffico cittadino e soprattutto di seguire con più tempo e più attenzione il sociale. Fai riferimento in particolare alla necessità che ha l’Amministrazione di rinnovare la graduatoria di chi ha necessità di un alloggio comunale. Un impegno che certamente richiede tempo ed anche “pesante” sul piano umano, perché, seguendo l’iter per la formazione di quella graduatoria, ci si rende conto, si tocca con mano quanto sia ancora forte il fabbisogno di una prima casa e viceversa quanto debole sia la capacità della Amministrazione comunale di dare soddisfacenti risposte.

Comprendo dunque che tu voglia avere la possibilità di dedicarti di più ad un lavoro purtroppo sempre spinoso per un Amministratore.

So bene che un Comune da solo, con le proprie risorse finanziarie, non ce la può fare ad affrontare e risolvere l’emergenza casa. E’ certo che occorrono soprattutto consistenti finanziamenti regionali e statali. Ma un Comune come il nostro, caro Bertucci, con il patrimonio immobiliare di cui è proprietario, può fare, ne sono sicuro, la sua parte, modesta è vero, ma comunque utile.

Purtroppo alcune recenti decisioni che avete preso non vanno in quella direzione. Avreste la possibilità ( i soldi mi sembra che non vi manchino e nemmeno vi manca la possibilità di contrarre qualche mutuo ) di destinare ad edilizia residenziale pubblica alcuni immobili ubicati nel centro storico ( ad esempio quello dei vecchi uffici postali o parte dell’ex ospedale). Siete tuttora proprietari, sempre nel centro, di 5 abitazioni. Ebbene questa quota di patrimonio comunale avete rinunciato ad utilizzarla. E’ stata messa in vendita al migliore offerente. In sostanza l’avete destinata non al “sociale”, ma al mercato privato; molto probabilmente turistico.

Vedi Assessore Bertucci, quando dovrai dire ad una famiglia che, in base alla graduatoria che avrai approvato, alloggi disponibili l’Amministrazione non ne ha più, come risponderai se qualcuno dovesse dirti: 'Avevate degli alloggi e li avete venduti a privati che li useranno solo per le loro vacanze. Avevate la possibilità di ricavare appartamenti in alcuni immobili e non l’avete sfruttata'. Personalmente  - conclude Fratini - non saprei come rispondere e mi vergognerei del mio silenzio".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un grupoo di amici ha creato un comitato per organizzare una giornata di sport e beneficenza in ricordo del giovane scomparso prematuramente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità