Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PORTOFERRAIO15°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Attualità giovedì 01 febbraio 2018 ore 18:00

Associazioni categoria: preoccupati per Tribunale

La nota di Confesercenti, Confcommercio, Faita, Coldiretti, Confindustria, Cna e Albergatori: "Siamo a fianco dell'associazione Forense"



PORTOFERRAIO — "Come associazioni di categoria siamo al fianco dell’Associazione Forense Isola d’Elba e desideriamo esprimere grande preoccupazione per la mancata proroga della norma che prevede la soppressione delle sedi distaccate dei tribunali.

Gli uffici del tribunale presenti nelle isole, come più volte sottolineato in questi giorni anche da vari soggetti istituzionali, rappresentano di fatto l’esercizio del diritto alla giustizia di cittadini residenti che già a causa della mancanza di continuità territoriale devono sopportare costi e disagi diffusi.

Siamo in presenza pertanto di una assoluta priorità che “obbliga” tutte le forze sociali, economiche e politiche del territorio a dare il proprio sostegno alle azioni volte a favorire il mantenimento della sede distaccata a Portoferraio.

La chiusura del tribunale rappresenterebbe un’insostenibile quanto ingiusto aggravio di costi per poter raggiungere il tribunale di Livorno. In quest’ottica, le Sezioni Distaccate dei Tribunali hanno la funzione insostituibile di garantire anche alla cittadinanza che vive in luoghi non facilmente raggiungibili un servizio di giustizia insopprimibile e vogliamo auspicare che le I’istituzioni e tutte le forze politiche, attuali e future viste le imminenti elezioni, si adoperino senza strumentalizzazioni e con determinazione per risolvere questo gravissimo problema, ponendovi rimedio con un provvedimento correttivo ed a questo punto definitivo.

Vogliamo anche ricordare come questo gravissimo disagio si andrebbe a sommare ad ulteriori disagi legati alla mancanza di una vera continuità territoriale, come quello legato alla difficoltà di fruire di servizi sanitari pubblici, spesso essenziali, che obbligano pazienti e familiari a costosi trasferimenti in città o come quello del diritto allo studio di studenti universitari, anch’essi obbligati a costosi trasferimenti di domicilio con alti costi di affitto per la durata degli anni di scuola, tutto ciò, senza dimenticare le difficoltà ed i costi per i collegamenti marittimi.

Una situazione questa che non solo dovrebbe escludere iniziative di depotenziamento di servizi essenziali e diritti sacrosanti acquisiti in un paese moderno, ma che anzi dovrebbe suggerire alle forze politiche ed istituzionali di prendere in considerazione l’allestimento di un impianto normativo specifico per le piccole isole italiane che tenga conto della effettiva necessità di salvaguardare i cittadini che vivono di limitazioni e disagi inerenti la condizione dell’insularità".

CONFESERCENTI ISOLA D’ELBA

FAITA

COLDIRETTI

CONFCOMMERCIO ISOLA D’ELBA

ASSOCIAZIONE ALBERGATORI ISOLAD’ELBA

CONFINDUSTRIA

CNA ISOLA D’ELBA

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Per il terzo giorno consecutivo sull'isola non sono stati rilevati nuovi contagi. Nuovo appello al rispetto delle regole per contrastare il virus
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità