Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PORTOFERRAIO19°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quota 100, Draghi: «Non sarà rinnovata e puntiamo a un graduale ritorno alla normalità»

Attualità domenica 22 agosto 2021 ore 20:25

"All'Elba nessuno muore per mancanza di cure"

Angelo Zini, sindaco di Portoferraio e presidente Comunità del Parco

Zini, presidente della conferenza dei sindaci sulla sanità, ammette le carenze di personale e spiega che l'Elba è una meta sicura anche per i turisti



PORTOFERRAIO — "Abbiamo letto o ricevuto in queste ultime settimane di piena estate diverse valutazioni o racconti di episodi non propriamente positivi riguardo ai servizi sanitari dell'Isola sui quali è però necessario fare alcune precisazioni e anche un po’ di chiarezza".

Si apre così un intervento di Angelo Zini, sindaco di Portoferraio e presidente della conferenza dei sindaci elbani sulla sanità.

"Dobbiamo rilevare altresì anche diverse pubbliche affermazioni di ringraziamento ed elogio per l'innegabile professionalità e disponibilità con le quali si sono ricevute assistenza e cure dalle nostre strutture sanitarie in particolare l'ospedale e il pronto soccorso. - prosegue Zini - Tuttavia ci ha colpito in modo particolare il racconto di una ospite turista sull'isola che, peraltro, ha i propri genitori residenti sull'Elba". 

"Comprendiamo la situazione spiacevole che è capitata al marito della signora e le esprimiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza per un pronto ritorno alla normalità. - aggiunge Zini - Ci permetterà comunque di dissentire sul fatto che, quell'episodio, possa di per sé e in assoluto dimostrare quanto affermato sullo stato della nostra sanità. Ci permettiamo di rifiutare l'espressione che la nostra sanità sia una "barzelletta" o che in quest'isola le persone sono "intrappolate e che non hanno via di fuga né, tantomeno, la possibilità di poter scegliere un posto dove potersi curare". E' inaccettabile dipingere in questo modo il sistema sanitario dell'Elba".

"Ci sono, lo sappiamo, molte criticità. - spiega  Zini - Manca molto personale medico e infermieristico in tutti i reparti dell'ospedale. E' garantito il servizio di emergenza e urgenza grazie all'integrazione e collaborazione tra Pronto Soccorso e 118, seppur spesso con grande fatica. Sono carenti i servizi di prossimità sul territorio, ne abbiamo visto effettivamente esempio sui servizi di guardia medica questa estate e il problema sussisterà anche per l'inverno e c'è la necessità di un maggior coinvolgimento e presenza della rete dei medici di famiglia. La nuova camera iperbarica, a parte il momentaneo guasto, funziona ma ancora solo per le emergenze e invece deve diventare apparecchiatura di terapie normali".


"Tutto questo ogni giorno viene posto alla Direzione Generale della ASL Toscana Nord Ovest e ai responsabili dei singolo Dipartimenti. - sottolinea il presidente della conferenza sulla sanità - Ne ha consapevolezza piena anche il Presidente della Regione Eugenio Giani che ha toccato con mano la situazione in una recente riunione all'Elba con la Direzione ASL e con i Sindaci. Tutto questo è vero. La carenza di personale è peraltro molto generalizzata e non riguarda solo l'Elba. Ma per l'isola la situazione diventa più complessa perchè la scelta del nostro territorio sconta penalizzazioni a livello professionale oltre alle difficoltà degli alloggi e, non ultime, questioni economiche". 

"Se non si cambiano le norme di ingaggio regionali e nazionali non se ne esce. - spiega  Zini - Tutti i piccoli ospedali di prossimità subiranno sempre queste limitazioni. I comuni dell'Elba, per loro conto, hanno messo a disposizione della Asl un immobile a Portoferraio da adibire a foresterie e la somma di oltre 100.000 euro per la sua ristrutturazione.
E, tuttavia, su questo territorio nessuno muore per mancanza di cure". 

"Tutti, residenti e turisti, - rimarca Zini - possono contare su servizi che garantiscono la presa in carico di ogni situazione e di poterla gestire in loco o con trasferimenti sul continente. Anche in questa fase di pandemia dove si è stati in grado di occuparci di centinaia di casi positivi dall'inizio del contagio, di fare migliaia di tamponi e di tracciamenti. Dove si è raggiunta e superata la soglia del 70% di popolazione vaccinata con l'intero ciclo e che è assolutamente necessario incrementare ulteriormente specialmente nelle fasce dei più giovani".


"Lavoriamo ogni ora per migliorare le cose e lo facciamo in costante contradditorio con chi ha la responsabilità della organizzazione e gestione dei servizi, a muso duro quando serve, ma sempre nello spirito di garantire e alzare il livello di prestazioni per i cittadini. Insomma - conclude Zini - si può vivere all'Elba o venirci in vacanza senza avere la paura o la preoccupazione di non trovare assistenza e cura della propria salute quando se ne ha bisogno".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il noto calciatore, già bomber della Roma e nella Nazionale italiana, riprenderà a giocare con la squadra elbana aderente alla Conifa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità