QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 12°13° 
Domani 14°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 21 novembre 2018

Politica giovedì 15 settembre 2016 ore 16:00

"Acquaviva, il PD attacca senza sapere"

Il vice sindaco Roberto Marini risponde alla nota del PD e ricostruisce le responsabilità del Comune nella vicenda del parcheggio sequestrato



PORTOFERRAIO — "La nota del gruppo consiliare PD sul parcheggio in Acquaviva non è solo inesatta e confusa, ma è il frutto di una politica vergognosa. Non si attengono ai fatti, ma, non avendo loro una idea strategica, sono solo funzionali ad alzare polveroni. 

Nel merito del sequestro probatorio, cautelativo (che non è atto emesso da un magistrato) ci domandiamo come possano esprimere tante certezze quando nessuno, eccetto i diretti interessati, ha letto le motivazioni degli atti assunti dalla Guardia Forestale. 

Comunque sia il gruppo consiliare PD deve sapere che la pulizia del terreno ora sottoposto a sequestro è oggetto di una comunicazione che il proprietario ha inviato al competente ufficio regionale (ex provinciale) che a sua volta ha trasmesso la comunicazione, in data 29 ottobre 2015, al Cs e al Cta di Portoferraio della Guardia forestale, che non risulta abbiano eccepito alcunché. 

Per sua natura l'intervento non appare oggettivamente assoggettato ad altra tipologia di autorizzazione e, comunque, il Comune non ha alcun titolo in questa operazione.

Per quanto riguarda, invece, l'utilizzazione dell'area come parcheggio il PD sa bene che la procedura è stata avviata con un atto d'indirizzo della giunta del 18 febbraio 2016, che la manifestazione d'interesse prevedeva che i cittadini depositassero le loro proposte entro l'8 aprile, che le aree sono state individuate successivamente, a far data dal 24 giugno, ovvero in tutt'altro contesto e senza conseguenza logica. 

Come ben sa, anche, che il TAR ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata da alcuni privati e da Legambiente, in quanto non sussiste pericolo in mora, cioè l'utilizzo non pregiudica la natura e le caratteristiche del terreno, data anche la temporaneità dell'uso ammesso. 

Questo è il riassunto della vicenda da quelle che sono le carte e la documentazione a nostra disposizione, per il resto eserciteranno i dovuti controlli i soggetti preposti. Siamo di fronte, infatti, ad un intervento probatorio fatto da un organo di polizia giudiziaria e non dalla magistratura, ora chiamata a confermarlo o meno. 

Si puntualizza, comunque, che al Comune l'atto non è stato notificato, neanche per conoscenza. Di certo rimane sempre la pochezza dell'intervento del PD".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità