Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PORTOFERRAIO11°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 22 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Con le pistole in pugno rubano tutte le borse del negozio di Gucci a Manhattan

Attualità giovedì 09 agosto 2018 ore 16:48

5 Stelle al sindaco: "riduca l'uso della plastica"

immagini di repertorio

Lettera aperta del MeetUp M5S Isola d’Elba 2.0 al primo cittadino di Portoferraio: "Chiediamo di emettere un'ordinanza come hanno fatto altre isole"



PORTOFERRAIO — Una lettera aperta al sindaco di Portoferraio Mario Ferrari per invitarlo a ridurre l'utilizzo della plastica sul suo territorio comunale. A scriverla è il MeetUp M5S Isola d’Elba 2.0, con una serie di richieste dettagliate.

"Come attivisti del M5S  - scrivono - chiediamo di emettere un’ordinanza per il Comune di Portoferraio che miri a ridurre l’utilizzo della plastica, come è noto altre isole hanno intrapreso questo percorso virtuoso per tutelare l’ambiente e di conseguenza anche il turismo prima risorsa economica del nostro territorio.

Chiediamo quindi:

di disporre per le attività commerciali e non, insistenti sul territorio comunale (vale anche per gli ambulanti) il divieto di commercializzare ed utilizzare sacchetti per asporto merci in polietilene, di contenitori e stoviglie monouso non biodegradabili.

Considerato che: le pubbliche amministrazioni in base alla normativa vigente, hanno l’obbligo in generale di predisporre ogni azione e prevenzione, riduzione di quantità di rifiuti e devono svolgere azioni rivolte alla valorizzazione, studio e introduzione di sistemi integrati per favorire il massimo recupero di energia e di risorse; ( di fatto da qualche mese viene effettuato la raccolta porta a porta)

In particolare i comuni secondo normativa vigente devono impegnarsi a raggiungere gli obbiettivi di raccolta differenziata, un intervento di questo genere agevola il raggiungimento evitando l’aumento previsto della tassa sulla raccolta rifiuti e relativo aggravio di sanzioni per il mancato raggiungimento degli obblighi previsti

I sacchetti di plastica utilizzati quotidianamente per la spesa hanno gravi conseguenze ambientali, sia per quanto riguarda la produzione sia per lo smaltimento, l’utilizzo di materiali alternativi ridurrebbe notevolmente anche le emissioni di Co2 eliminando il problema dello smaltimento.

Per quanto fin ora detto, questa Amministrazione si dovrebbe prefiggere le seguenti finalità:

ridurre la produzione di rifiuti durante la stagione estiva;

incrementare e valorizzare la raccolta differenziata diminuendo il più possibile la percentuale di rifiuto secco residuale a favore della quota destinata al compostaggio;

diminuire il ricorso alle materie prime non rinnovabili (petroli) favorendo l’utilizzo di materie prime rinnovabili;

sensibilizzare la comunità verso scelte e comportamenti consapevoli e virtuosi in campo ambientale;

Per il perseguimento degli obbiettivi in premessa:

a) gli esercenti sul territorio comunale le attività commerciali, artigianali, e di somministrazione alimenti e bevande, non potranno più distribuire ai clienti sacchetti o altro materiale monouso che non sia biodegradabile, riutilizzabile, o compostabile (piatti, bicchieri, posate, sacchetti ecc.)

b) lo stesso modus vale per le associazioni, e gli enti in occasione di feste e sagre

c) I cittadini del Comune di Portoferraio dovranno munirsi per la spesa di sacchetti monouso di carta o altro materiale biodegradabile e compostabile, ovvero sacchetti in rete o tessuto;

d) gli esercizi commerciali o artigianali che praticano asporto, dovranno utilizzare esclusivamente sacchetti di carta o altro materiale rete, stoffa, tessuto

Saranno previste sanzioni per tutti coloro che non osserveranno tale disposizione, chiediamo inoltre di istituire delle isole di raccolta differenziata presso spiagge libere ed in zona porto, per evitare che turisti e non solo abbandonino i rifiuti come spesso accade.

Sarebbe utile maggiore controllo anche per le imbarcazioni che navigano intorno all’isola e sostano nelle calette, spesso utilizzate come discariche.

Una maggiore attenzione e severità, serve a tutelare ciò che abbiamo di più importante il nostro mare e la nostra isola.

In un futuro non troppo lontano auspichiamo di bandire completamente la plastica dai supermercati, tornando al vetro o a materiali più evoluti e meno impattanti.

Siamo certi della sensibilità su questo argomento da parte della nostra amministrazione, e che in occasione degli eventi dell’11 e del 18 agosto della campagna estiva del ministero dell’Ambiente in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri e la Guardia Costiera, non tarderà a rendere esecutiva un’ordinanza in merito anche in previsione di quello che saranno le normative europee in merito".

La lettera aperta è firmata MU M5S Isola d’Elba 2.0


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La giovane ballerina elbana formatasi nel gruppo di Danzamania, si esibirà sul palcoscenico dei più importanti teatri italiani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica