QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 15°16° 
Domani 14°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 19 novembre 2019

Cultura mercoledì 21 agosto 2019 ore 09:00

Un premio internazionale per lo scrittore Pugi

Alessandro Pugi

Il romanzo "L'origine del male" di Alessandro Pugi riceverà un riconoscimento al “Books for Peace 2019”



PORTO AZZURRO — Ancora un riconoscimento di alto livello per il romanzo dello scrittore elbano Alessandro Pugi. L’origine del male, Ctl Edizioni,  sarà infatti insignito di un altro importante premio letterario.

Il 14 Settembre a Roma, alle ore 16,15, presso la sala Tirreno, la più grande della Regione Lazio, si terrà infatti, la premiazione del Books for Peace 2019, premio letterario internazionale e premio per il giornalismo d’inchiesta, dedicato quest’anno a Javier Valdez, giornalista ucciso in Messico.

La kermesse internazionale, nata nel 2017 ed organizzata dal Funvic (Fundacao Universitaria Vida Crista ) componente Unesco (Brasile), Dipartimento Europa e A.N.A.S.PO.L., ha visto premiati vari giornalisti di Rai News, del giornale La Repubblica, di Rai Tre, oltre a vari personaggi rappresentativi nel campo della musica e dell’editoria.

“Credo che questo premio - commenta un sorpreso Alessandro Pugi - possa definirsi la classica ciliegina sulla torta per un romanzo che nasce come un outsider, ma che si sta distinguendo per la sua carica emotiva e per gli argomenti trattati con delicatezza ma anche con cristallina lucidità. Il tema dello stalking, quello sul femminicidio e della violenza subita dalle donne, deve essere sempre attenzionato perché è ormai entrato in una spirale che sembra non dare via di scampo a chi vi finisce risucchiato".

"Insignire il mio romanzo di un premio così importante è un riconoscimento davvero gratificante e per questo ringrazio la giuria del premio – conclude Pugi - perché ha saputo riconoscere la forza di questo romanzo e ringrazio tutte le persone che lo hanno letto o che lo faranno, perché è fondamentale dare voce a chi soffre, spesso all’ombra di orchi travestiti da uomini.”   



Tag

Migranti, Salvini replica al ministro Trenta: «Qualcuno si è svegliato nervosetto»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Attualità

Attualità