Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:PORTOFERRAIO14°26°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 23 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Un governo che cerca di non far danni è già molto, ma non basta». Applausi dalla platea

Cultura giovedì 18 febbraio 2021 ore 14:23

Relitto di Punta Cera, online studio di Zecchini

Anfora di produzione gallica

L'archeologo Michelangelo Zecchini nella sua ricerca parla della scoperta, avvenuta nel 1961, del relitto di età imperiale nel mare di Porto Azzurro



PORTO AZZURRO — Dopo l’edizione digitale dei relitti di Procchio, Chiessi, Sant'Andrea, Porto Azzurro, l'archeologo Michelangelo Zecchini presenta online su Academia.edu la storia della scoperta di un relitto di età imperiale a Punta Cera

Il relitto, individuato nel 1961 in un fondale di 35 metri, fu largamente depredato. "La testimonianza del campione subacqueo Carlo Gasparri, che lo osservò prima delle incursioni clandestine, - come spiega Zecchini - è indispensabile non solo per stabilire l’ampiezza del campo di anfore (25 metri x 10) e, di conseguenza, le probabili dimensioni (35-40 metri) e la capacità di carico (circa 400 tonnellate) dell’imbarcazione, ma anche per ricostruire un’associazione di tipi diversi di anfore, che altrimenti avremmo perduto per sempre. Gasparri ricorda infatti di aver visto, oltre alle cosiddette africane grandi, prevalenti, anche anfore cilindriche più piccole (africane di forma 1A) e pochissimi esemplari di anfore ‘a cuore’ di produzione gallica".

"È ragionevole ipotizzare - afferma Zecchini - che il naufragio della nave oneraria, collocabile nel primo quarto del III secolo d. C., sia avvenuto prima o dopo lo scalo nel vicino Portus longus, la cui intensa frequentazione da parte di navi ‘africane’ è attestata dal recupero nell’area portuale di una vasta gamma di ceramiche e di tipi anforici(compresi quelli presenti nel relitto di Punta Cera) prodotti nei centri manifatturieri della costa africana".

È possibile leggere o scaricare lo studio di Zecchini a questo link.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel mirino della Guardia di finanza una serie di beni di proprietà e nella disponibilità di un commercialista. Sequestri anche sul territorio elbano
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Sport

Attualità