Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:03 METEO:PORTOFERRAIO12°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Benigni a Papa Francesco: «Andiamo insieme alle prossime elezioni, facciamo il campo largo. Vinciamo subito»

Attualità sabato 24 febbraio 2018 ore 15:09

Ordinamento Penitenziario, non approvata riforma

​I garanti dei diritti dei detenuti: "Cocente delusione. Sia convocato un Consiglio dei ministri straordinario". Le dichiarazioni



PORTO AZZURRO — "La decisione del Consiglio dei Ministri (di ieri) di non approvare il testo di riforma dell’Ordinamento penitenziario ci lascia attoniti e sbalorditi". Questo è quanto afferma il Coordinamento nazionale dei Garanti regionali e territoriali delle persone detenute.

E aggiunge: "La paura di un uso strumentale nella polemica elettorale ha bloccato una risposta civile alla crisi del carcere e produrrà una grave delusione tra i detenuti che avevano sperato nel trionfo dei principi della Costituzione. Questa scelta di pavidità rappresenta uno schiaffo alla scelta di dialogo e di nonviolenza che ha visto impegnati per anni tanti soggetti, dai radicali ai garanti, dai giuristi ai prigionieri".

Ricordo che, anche nella giornata di ieri, in concomitanza con la riunione del Consiglio dei Ministri, c'è stata una mobilitazione nelle carceri a sostegno della riforma, con 24 ore di sciopero della fame a cui hanno partecipato anche una trentina di Garanti, aderendo all'iniziativa nonviolenta in corso (promossa dal Partito Radicale Nonviolento e da Rita Bernardini e fatta propria da oltre 10.000 detenuti ristretti nelle 190 carceri italiane).

Che fare a questo punto?

Dicono i Garanti: "C’è un solo modo di sanare questa ferita. Il Presidente del consiglio Gentiloni e il Ministro di giustizia Orlando annuncino subito la convocazione di un Consiglio dei ministri straordinario in modo da garantire la conclusione dell’iter entro il 23 marzo".

Perché la situazione è preoccupante: "Se non sarà così si assumeranno la responsabilità delle conseguenze imprevedibili (o prevedibilissime) che si verificheranno nelle prossime ore e giorni".

E concludono: "La parziale soddisfazione per la tardiva approvazione degli schemi di decreti sull'ordinamento penitenziario minorile, sul lavoro penitenziario e sulla giustizia riparativa, non può nascondere la cocente delusione per la mancata approvazione definitiva dell’unico decreto già passato al vaglio delle Camere e contenente norme innovative sulle alternative al carcere, sull'assistenza sanitaria e sulla vita detentiva".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto sulla strada provinciale all'altezza delle Grotte. Un uomo e una donna sono stati trasportati al Pronto soccorso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità