Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:41 METEO:PORTOFERRAIO19°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 22 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Alec Baldwin spara sul set del film Rust, muore la direttrice della fotografia: il video dall'alto del luogo della tragedia

Attualità domenica 17 marzo 2019 ore 13:18

Il plauso di Legambiente alla Capitaneria di porto

Alcuni dei rifiuti rimossi a Mola dalla Guardia costiera

L'associazione ringrazia per l'importante operazione anti-abusivismo svolta nel golfo di Mola e sulla costa a tutela dell'ambiente marino e costiero



PORTO AZZURRO — Legambiente Arcipelago toscano, in una nota, si complimenta con la Capitaneria di Porto/Guardia Costiera di Portoferraio, con il V Nucleo Sommozzatori della Guardia Costiera di Genova e con il personale dell’ufficio locale marittimo di Porto Azzurro per la riuscita della complessa operazione di polizia marittima a tutela del fondale e dell’ambiente costiero della zona umida di Mola, nei Comuni di Porto Azzurro e Capoliveri nell’isola d’Elba, che ha portato al sequestro di oltre 10 tonnellate di corpi morti abusivi e a rendere inservibili all’ancoraggio altri corpi morti che è stato impossibile recuperare (qui l'articolo).

"Le cifre fornite dalla Capitaneria di Porto di Portoferraio - commenta Legambiente - sono impressionanti, visto che sono stati individuati anche altri 110 corpi morti e punti di ormeggio sul litorale, realizzati con paletti metallici della lunghezza fino a 1,5 metri infissi nel terreno, equivalenti a circa una tonnellata di peso".

"Si trattava di una situazione di abusivismo diffuso - denunciata più volte da Legambiente Arcipelago Toscano - aggiunge l'associazione ambientalista - e sulla quale la Capitaneria di Porto era intervenuta anche negli anni passati - che aveva un insostenibile impatto sui fondali e su una zona umida, zona speciale di conservazione e zona di protezione speciale e del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano".

"Legambiente Arcipelago Toscano - aggiunge l'associazione - si augura che questa efficace e complessa operazione della Capitaneria di Porto/Guardia Costiera – che fa seguito ad altri importanti recenti blitz contro i bracconieri del mare - sia l’inizio di una vera rinascita di Mola a terra e a mare, con un corretto e sostenibile utilizzo dello specchio acqueo e con la rapida messa in atto del progetto di bonifica, ripristino e rivitalizzazione ecologica della zona umida da Parte del Parco nazionale dell’Arcipelago toscano e degli altri enti interessati". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il consigliere regionale Petrucci di Fdi: “12 letti nuovi inutilizzati per manca personale, è una vergogna! Bezzini dia risposte all'Elba".
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca