Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:49 METEO:PORTOFERRAIO12°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Zingaretti: «Ho scoperto di avere un neo che era un tumore maliglio. Mi sono salvato grazie alla prevenzione»

Attualità lunedì 15 agosto 2022 ore 12:30

Una petizione contro la "diga" a Sant'Andrea

È stata lanciata online e punta a contrastare il progetto del Comune contro l'erosione costiera perché ritenuto troppo invasivo



MARCIANA — Dopo i dubbi di Italia Nostra Arcipelago Toscano sul progetto di una scogliera sommersa per contrastare l'erosione costiera nella baia di Sant'Andrea, un gruppo di persone ha lanciato una petizione online contro il progetto le cui osservazioni scadono proprio in questi giorni.

Nella petizione online lanciata su Change.org si legge "Uno dei più importanti patrimoni naturalistici dell'Elba rischia di essere distrutto e come al solito viene fatto in gran segreto".

"Stanno provando a devastare le acque cristalline di Sant’Andrea con una barriera artificiale, che trasformerà la baia in una palude. (C’è un torrente sulla sinistra della baia che d’inverno porta giù tanto fango) - si legge ancora nella petizione - La baia di Sant'Andrea è considerata una delle più belle di tutta la Toscana. Il comune e il consorzio degli albergatori hanno deciso di costruire una barriera artificiale davanti alla spiaggia per trattenere la sabbia non curanti del fatto che non solo deturperebbero il paesaggio ma anche che trasformerebbero le acque cristalline della baia in un acquitrino melmoso. Le baie hanno bisogno di riciclo e l’ambiente va rispettato non solo a parole ma nei fatti. La natura trova sempre i suoi equilibri".


"Al posto di devastare la baia e l’ambiente il comune di Marciana e i suoi abitanti dovrebbero investire 1M e 250 (costo della folle opera) nella conservazione, nel protezione è nella valorizzazione dell’ambiente. servizi green per i turisti, tenere pulite spiaggia mere e paese da immondizie e cicche di sigarette buttate ogni dove. Ristrutturare la piazzetta in chiave green, sistemare l'impianto idrico, pulire i sentieri, istallare bagni e docce pubbliche, limitare il traffico, fare una zona del silenzio, organizzare zone di ripopolamento ambientale, de-cementificare gli scogli, sistemare le strade e riforestare la zona. - si conclude il testo della petizione - Cari abitanti di Sant'Andrea, caro Sindaco di Marciana, cari albergatori, bloccate immediatamente questo insensato progetto, bloccate questa folle idea di fare una diga in mezzo alla baia. Iniziate invece a proteggere questo posto come si deve, perchè Sant'Andrea è meravigliosa e va trattata con il massimo della cura".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Cocktail e aperitivi nei migliori bar dell'isola. Protagoniste anche musica, enogastronomia e gli scenari più suggestivi dell'isola e concorso a premi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità